Roma – Lido, ancora una mattinata di passione. Solo 2 in treni in servizio

Ancora disagi per i pendolari della Roma - Lido. Oggi solo due i treni in servizio


23/12/2021 – Appena due treni in servizio e frequenze di oltre quaranta minuti. Inizia così l’ennesima giornata di passione per i pendolari della Roma – Lido. Una situazione sempre più grave che si aggiunge ai disagi che ormai da anni i viaggiatori del “trenino” che collega il Litorale con la Capitale si trovano a dover sopportare pressocchè ogni giorno. Ormai infatti l’eccezione è quando non si verificano ritardi o rallentamenti. Solo lunedì la tratta era stata interrotta per diverse ore a causa di un guasto sulla linea aerea, l’ennesimo, a questo si aggiungono le stazioni chiuse a causa della rimozione dal servizio dei convogli che necessitano di urgenti interventi di manutenzione straordinaria.

Ancora disagi per i pendolari della Roma – Lido. Oggi solo due i treni in servizio

Una situazione che ha portato i viaggiatori ad organizzarsi ed è attualmente in corso una raccolta firme (qui) per chiedere il rimborso dell’abbonamento. “Noi pendolari della Roma – Lido – scrive Fabio Basso, il promotore della petizione – chiediamo un rimborso sugli abbonamenti già pagati, per un servizio che sulla carta al momento dell’acquisto dei suddetti abbonamenti prevedeva: frequenza dei treni ogni 15 minuti, copertura locale compresa di 13 stazioni con relativa fermata, un tempo di percorrenza dalla stazione di Cristoforo Colombo alla stazione di Porta S. Paolo di 45 minuti. Adesso la situazione è questa: frequenza treno ogni 40 minuti quando non si guasta, con relativo affollamento in piena pandemia, le stazioni attive con relativa fermata sono rimaste soltanto 7, tempi di percorrenza da Cristoforo Colombo a Porta S. Paolo possono arrivare anche alle 2 ore. A questo vanno aggiunti tutti i ritardi sul lavoro e le mancate ore a scuola per i ritardi accumulati dagli studenti. Chiediamo un risarcimento in quanto vittime di una truffa autorizzata dal Comune di Roma e dalla Regione Lazio che in tutti questi anni invece di vigilare sulle mancate manutenzioni della ferrovia Roma Lido, hanno fatto scarica barile su chi si dovesse occuparsene. Quelli che pagano tutto questo è gente che tutti i giorni si reca al posto di lavoro o a scuola e deve combattere ogni giorno con ritardi dovuti a un servizio già pagato, ma inesistente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here