X Municipio, Bozzi: “Inaccettabile che la presidente Di Pillo non abbia riferito in aula sui fatti dello Stadio”

14/06/2018 – “È assurdo ed inaccettabile che la Presidente Di Pillo oggi non sia intervenuta nel Consiglio Municipale per riferire sulle vicende dello scandalo dello Stadio della Roma, che ieri l’avevano portata a dichiarare repentinamente di voler revocare la Delega all’assessore allo Sport Gola, che risulta tra gli indagati. Siamo garantisti verso ogni arrestato o indagato, ma avremmo voluto chiederle, insieme a tutta l’opposizione, cosa pensa dal punto di vista politico e, soprattutto, cosa sa delle ipotesi di un restyling del lungomare di Ostia che, secondo le ipotesi accusatorie, il Capogruppo del M5s in Campidoglio Ferrara avrebbe barattato con un sostegno alla realizzazione dello Stadio”. È quanto dichiara Andrea Bozzi, capogruppo delle liste civiche autonomiste “Ora” e “Un Sogno Comune” in Municipio X.
“Non basta – aggiunge Bozzi – che in aula si sia presentato il vice presidente Ieva, che tra l’altro ha fatto un monologo senza diritto di replica. Nè che il capogruppo del M5s abbia giustificato l’assenza con il fatto che la Di Pillo, che fino a inizio Consiglio era qui, sia dovuta correre improvvisamente in Campidoglio. È la Presidente di un Municipio, e non più la delegata della Sindaca o il Proconsole di una remota provincia dell’Impero. E questa città di 250mila abitanti, che dovrebbe diventare Comune Autonomo, merita dignità e rispetto. In primis verso tutti i consiglieri democraticamente eletti”.

“Questa mattina l’assenza del Presidente del Municipio di Ostia dall’aula dove si e’ svolto un dibattito sulle vicende giudiziarie dello stadio che hanno coinvolto l’assessore allo sport della Giunta Di Pillo dimissionato, è molto grave e inaccettabile”. Lo dice il capogruppo del Partito Democratico nel X Municipio Athos De Luca. “Il presidente aveva  il dovere di riferire al consiglio sulla richiesta di dimissioni del proprio assessore. Essersi sottratta al dibattito e alle comunicazioni in aula e’ stato un atto di grave scorrettezza istituzionale e politica nei confronti di tutto il consiglio oltre ad una manifestazione di fuga dalle proprie responsabilità politichese”

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here