Ostia Antica, alunni e insegnanti in quarantena ma non il personale del “pulmino”

Ad Ostia Antica l'Asl non applica la nuova normativa sulla quarantena e lascia in servizio il personale del "pulmino"


12/11/2021 – Una classe in quarantena, insegnanti incluse, e con loro gli alunni di altre sezioni che hanno viaggiato insieme sul pulmino scolastico. Accade ad Ostia Antica, nella scuola primaria di via Orioli dove nei giorni scorsi un bambino è risultato positivo al Covid-19. Una decisione che però ha scatenato le proteste dei genitori perché la decisione di far restare a casa i bambini non rispetta le nuove direttive del Ministero dell’Istruzione entrate in vigore solo pochi giorni fa, il 6 novembre. Secondo infatti il Ministero la quarantena dovrebbe scattare nel caso di tre positività e non uno come invece sta avvenendo ad Ostia Antica. Un esito positivo arrivato il 5 novembre ma che ha visto scattare le misure di contenimento solo dalla giornata di martedì 9. 

I genitori hanno quindi chiesto spiegazioni all’Asl Rm 3 dalla quale è arrivata la risposta che hanno scelto autonomamente di applicare la vecchia normativa invece di quella nuova del Ministero spiegando come in considerazione dell’aumento dei casi sia meglio rispettare il vecchio protocollo. Insomma l’Asl Rm 3 ignorerebbe quanto stabilito dal Ministero dell’Istruzione.

Ad Ostia Antica l’Asl non applica la nuova normativa sulla quarantena e lascia in servizio il personale del “pulmino”

Altra situazione paradossale è quella poi legata a chi ha viaggiato sul pulmino del trasporto scolastico sul quale lo scorso 5 novembre ha raggiunto scuola anche il bambino risultato positivo. “Alla richiesta di spiegazioni sul perché il personale scolastico in servizio a bordo non fosse in quarantena differentemente a quanto invece avvenuto per i nostri figli – spiega una mamma – ci è stato risposto che è perché loro indossano la mascherina, hanno il green pass e rispettano la distanza di un metro. Risposta assolutamente insensata. Il discorso della mascherina è giusto ma valido per tutte le persone a bordo, bambini inclusi, il resto è totalmente fuori da ogni logica. Il green pass indica che si sono effettuate le due dosi di vaccino ma questo non significa che si è immuni al Covid-19. Lo sappiamo tutti che si può essere contagiati ugualmente e inoltre non è vero che il personale mantiene la distanza di un metro. Molte volte i bambini vengono tenuti per mano per essere aiutati a scendere dal pulmino, il personale gli tiene gli zaini, insomma sono tutti a stretto contatto. Perchè i nostri figli che non sono neanche in classe con il bambino contagiato e magari neanche hanno viaggiato seduti vicino devono restare a casa e invece il personale scolastico può continuare a lavorare? Oltre ad essere assurdo è anche una potenziale fonte di contagio”.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here