Centri, campi estivi e sguardo attento alla “strada”, Sant’Aurea da il passo alle chiese lidensi

I giovani animatori degli oratori lidensi delle diverse chiese di Ostia durante la formazione annuale

29/07/2021 – Ancora da Ostia Antica si guarda al modello futuro di Ostia, un’Ostia Nuova. A Sant’Aurea è iniziato un campo estivo per i giovanissimi organizzato dall’oratorio.  Prima di questo è stato attivo il centro estivo. Con il cuore verso Gesù e lo sguardo alla giovane e coraggiosa Aurea i ragazzi crescono più sicuri e con valori e identità più robuste. Aurea e la sua storia sono un traino eccezionale e identitario per i ragazzi del territorio. Per informazioni sui servizi è bene rivolgersi ai contatti all’interno delle locandine. In plancia per questa esperienza il diacono Generoso. Ma al ‘fronte interno’ giovanile corrisponde anche un impegno che via via si struttura verso i ragazzi ‘sulla strada’ attraverso l’attivazione delle unità di strada educative.

Don Giovanni Carpentieri e l’ospedale da campo per i giovani, nel quale coinvolgere anche papà e mamme, zie e zii, nonni e nonne che hanno voglia di rimboccarsi un po’ le maniche per le future generazioni in maniera spontanea e semplice.

Quella di Sant’Aurea è però un po’ l’apripista per altre esperienze simili nelle altre parrocchie lidensi (come lo splendido attivissimo “Daniele Doctor” l’oratorio di Regina Pacis), poiché anche per il settore giovani e famiglie la chiesa lidense, sotto l’impulso romano, è sempre più unita in una dimensione di ecclesialità anche nell’organizzazione di prefettura ostiense (la 26ma Diocesi di Roma). Ma va anche detto con forza come questa ampia azione non sarebbe possibile se non ci fosse l’opera di un tessitore di diverse esperienze, mons. Dario Gervasi Vescovo ausiliare e del suo più stretto collaboratore sul territorio don Roberto Visier Parroco di San Nicola e Prefetto di Ostia; la loro passione è creare Ponti tra le chiese che solo pochi anni fa erano divise e spesso sconosciute tra loro.

“Vogliamo riprendere a sognare in grande”, è questa l’espressione che è rimasta impressa ai sacerdoti formatori di questi ragazzi parlando della chiesa di Ostia ‘in uscita’ coinvolta tra le diverse parrocchie locali e in relazione con Roma. (da Storie di OrEs 2021, centro e forum oratori romani)

Generoso, insieme ai suoi collaboratori, al di là di attività varie nel corso di questi tempi, sta mettendo in rete il settore giovanile delle chiese lidensi in qualità di referente ipso facto della Commissione Giovani della Prefettura di Ostia Diocesi di Roma.

Centri estivi per i bambini, giovanissimi ragazzi a sostegno delle famiglie. Anche se limitato per tempi e durata, causa quest’anno pazzo di pandemia, le chiese si organizzano in maniera seria e ‘in uscita’, come la vuole Papa Francesco. Un modello educativo ‘step by step’, progressione personale, responsabilità graduale a seconda dell’età e del servizio verso ‘il fratello più piccolo’, verticale, di contro ad un collettivismo spersonalizzante e livellante.

Anche a Roma si porta avanti questo modus operandi. “Cambiare Rotta” è un vero e proprio villaggio/oratorio di giovani dove, a seconda delle varie età, si vive l’esperienza formativa. Così a Ostia i giovanissimi cristiani coordinati da formatori adulti che via via insegnano l’arte della ‘cura’ del più piccolo, fratello maggiore e fratello minore. E così educatori, animatori e capitani o capisquadra, sono diversi approcci di responsabilità verso il prossimo per imparare a Servire con metodo e incanalare il proprio spirito di condivisione e comunione verso le caratteristiche tipiche di un’età, in una pericolosa società fluida che ormai confonde, oltre che i generi, anche le fasi di passaggio e di crescita.

Crescono le comunità cristiane sul Territorio Lidense; le parrocchie comprendono sempre di più che il momento storico è fondamentale forse unico per stringersi intorno alle famiglie e ai giovanissimi delle città. Ostia cristiana capisce che le cose si possono cambiare solo insieme, oltrepassando i muretti delle canoniche e creando ponti tra strutture edificando una vera ‘ecclesia’.

Sdt

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here