Morto Pino Scaccia, il giornalista sconfitto dal Covid-19

Scaccia era ricoverato al Covid hospital di Casalpalocco a causa dell'aggravarsi delle complicanze legate al Covid-19


28/10/2020 – E’ morto a 74 anni Pino Scaccia, giornalista Rai e grande amante di Ostia. Residente del X Municipio da oltre 40 anni Scaccia, era ricoverato al Covid hospital di Casalpalocco a causa dell’aggravarsi delle complicanze legate al Covid-19 di cui era risultato positivo.

Giuseppe Scaccianoce, questo il suo vero nome, era ricoverato da settimane trasformando la sua degenza in un diario giornaliero, dove tramite il suo profilo Facebook raccontava quello che accadeva attorno a lui. Ma Scaccia, era un grande giornalista, che nella sua carriera aveva viaggiato per scenari di guerra e tragedie per la Rai di cui era stato anche capo redattore dei servizi speciali per il Tg1.

Aveva raccontato la prima guerra del Golfo, la guerra nell’ex Jugoslavia e la crisi in Afghanistan, ma anche il dopoguerra in Iraq  che lo aveva visto viaggiare accanto a Enzo Baldoni. Ma era stato anche il primo giornalista occidentale ad entrare nella centrale di Cernobyl dopo l’esplosione del 1986.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here