Litorale, controlli a tappeto dei carabinieri. 4 arresti e 20 denunce

22/03/2019 – Nel corso dei quotidiani servizi effettuati dai Carabinieri del Gruppo di Ostia, nella notte, una pattuglia della Sezione Radiomobile ha fermato una donna che si era resa responsabile di furto. È stata proprio l’orario e l’affannosa camminata della donna che trascinava una grossa borsa sul marciapiede ad attirare l’attenzione dei militari che non hanno esitato a controllarla; le successive verifiche hanno accertato nel borsone erano stati stipati numerosi prodotti asportati da un vicino magazzino ubicato nei pressi della stazione ferroviaria Lido Centro. La ladra è stata denunciata al Tribunale di Roma e la refurtiva interamente recuperata e restituita al proprietario.
Sempre nel corso della notte, un’altra pattuglia della Sezione Radiomobile ha riconosciuto in via dell’Idroscalo un 41enne di Ostia, che si era illecitamente allontanato dalla propria residenza di piazza Ener Betica, dove si trovava ai domiciliari per furto, senza alcuna autorizzazione; arrestato, è stato accompagnato al Tribunale di Roma per l’udienza di convalida.
Ancora i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno arrestato un cittadino rumeno 40enne e una donna peruviana 65enne, che si erano precedentemente introdotti in un negozio di via Costanzo Casana e si era indebitamente appropriata di molteplici confezioni di profumi, occultandoli in una grossa borsa. I due, avevano oltrepassato le casse senza pagare, sono stati fermati in strada dai Carabinieri; immediatamente arrestati i due dovranno rispondere di furto e falsa attestazione dell’identità personale a Pubblico Ufficiale.
I Carabinieri di Acilia hanno eseguito l’ordine di carcerazione della Procura della Repubblica di Roma riuscendo a individuare e arrestare, in via Lugi Cochetti, un 36enne rumeno, per reati contro il patrimonio; l’uomo dovrà scontare una pena di quasi due anni di reclusione.
A Ponte Galeria, i Carabinieri di Ostia, avvalendosi della collaborazione di personale della società di gestione dell’energia elettrica, hanno effettuato il controllo di un comprensorio ubicato in via Nicola Garrone, già oggetto di osservazione da parte dei militari in quanto ritenuto sede di attività di spaccio e prostituzione. Nel corso dell’operazione, i Carabinieri hanno identificato i 16 occupanti degli appartamenti del comprensorio, quasi tutte donne di origine rumena, accertando che gli stessi erano utilizzati per prostituirsi ed erano alimentati mediante un allaccio abusivo ad un contatore della rete elettrica. Tutti gli occupanti sono stati quindi denunciati in stato di libertà per furto di energia elettrica ed uno di essi, una 27enne già nota alle forze dell’ordine, anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente; la donna infatti è stata trovata in possesso di vari grammi di marijuana e del materiale necessario per confezionare la droga in dosi.
Differente la sorte toccata ai proprietari degli appartamenti, padre e figlio di 75 e 36 anni, entrambi romani e gravati da pregiudizi penali, i quali, oltre a dover rispondere anche loro di furto di energia elettrica, sono stati incriminati per favoreggiamento della prostituzione.
Sempre nel contesto della medesima operazione i Carabinieri di Ponte Galeria hanno stato fermato e controllato in strada anche un 27enne romeno, con pregresse condanne giudiziarie alle spalle, che nel proprio zaino deteneva qualche grammo di marijuana e un grosso coltello del genere proibito lungo circa 35 cm lo straniero è stato denunciato in stato di libertà per porto e detenzione illegale di armi, oltre ad essere stato anche segnalato alla Prefettura di Roma per l’uso personale di stupefacente, mentre il coltello è stato sequestrato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here