Litorale, controlli dei carabinieri. 4 arresti e 2 denunce


27/06/2020 – I Carabinieri hanno arrestato ad Acilia un cittadino rumeno per “false attestazioni a pubblico ufficiale sulle generalità proprie”. L’uomo, un pregiudicato 41enne senza fissa dimora, è stato fermato dai militari mentre percorreva a piedi in via Amedeo Bocchi di Acilia e, nel tentativo di eludere il controllo, ha fornito ai Carabinieri delle false generalità; i militari, insospettiti dal suo atteggiamento, hanno deciso di verificare quanto asserito accertando così la malafede del fermato. Il malfattore è stato trattenuto nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa dell’udienza di convalida.
Sempre ad Acilia i Carabinieri hanno arrestato, al termine di uno specifico servizio, un 25enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, dopo alcune ore di attento monitoraggio è stato controllato all’interno della propria abitazione di via Egidio Garra, dove sono state scovate molteplici dosi di varie sostanze stupefacenti, nonché tutto il materiale occorrente per la pesa ed il confezionamento della droga, oltre alla somma contante di quasi 200 euro, provento dell’attività di spaccio. Il pusher è così finito agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, mentre la droga ed il restante materiale rinvenuto è stato sequestrato.
Ancora ad Acilia, i Carabinieri sono intervenuti nel pomeriggio di ieri presso un’abitazione al cui interno era stata segnalata una violenta lite. Giunti sul posto i militari hanno individuato in strada un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica. L’esagitato alla vista dei Carabinieri ha iniziato ad inveire contro di loro, aggredendoli improvvisamente ma venendo prontamente bloccato e reso inoffensivo. I militari hanno così accertato che l’uomo, in corso di separazione dalla compagna, che in quel momento si trovava presso l’abitazione della madre, si era recato a casa di quest’ultima iniziando a gridare e minacciare le due donne di morte. Il malfattore è stato denunciato in stato di libertà e sottoposto a trattamento psichiatrico presso l’ospedale Giovan Battista Grassi di Ostia.

Ad Ostia Antica, i Carabinieri hanno arrestato, su disposizione del Tribunale di Roma, un 29enne di origine bielorussa già sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. La misura è scaturita a seguito dell’arresto operato alcuni giorni prima agli stessi militari che avevano individuato in strada il malfattore, bloccandolo per “evasione”. Il magistrato, ritenendo insufficiente la misura restrittiva comminata all’uomo, ne ha quindi disposto l’immediata carcerazione presso il carcere di Regina Coeli.

Sempre su disposizione del Tribunale di Roma, è stato arrestato un pregiudicato 32enne. L’uomo, già gravato dal divieto di avvicinamento ai propri familiari a causa di ripetuti comportamenti violenti, ha in più occasioni violato la citata misura, venendo sorpreso dal Carabinieri che hanno puntualmente relazionato l’accaduto alla competente magistratura. Nel pomeriggio di ieri il malfattore è stato rintracciato dai militari che, dopo avergli notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in sostituzione della precedente misura, lo hanno condotto presso la casa circondariale di Regina Coeli.

Nella serata di ieri, ad Ostia i Carabinieri sono intervenuti presso un noto locale del litorale dove era stata segnalata la presenza di una persona in stato di ebbrezza che infastidiva i clienti. Giunti sul posto i militari hanno accertato che l’uomo, dopo aver disturbato gli avventori, si era allontanato in direzione del lungomare. Acquisita la descrizione, i Carabinieri si sono messi alla ricerca del soggetto, che è stato individuato poco dopo nei pressi di un vicino stabilimento balneare. L’uomo, un 41enne di origine serba già noto alle forze dell’ordine, in evidente stato di alterazione psicofisica, alla vista dei militari ha dato in escandescenze minacciandoli ed insultandoli, nel tentativo di sottrarsi al controllo.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here