Litorale, controlli del territorio. 4 persone in manette e 2 denunciate dai carabinieri

FOTO D'ARCHIVIO
16/05/2019 – Nelle ultime ore, i Carabinieri di Ostia hanno effettuato molteplici controlli del territorio che hanno portato all’arresto di due persone e alla denuncia di una.
Nello specifico, ad Ostia Antica, i Carabinieri hanno fermato per un controllo un cittadino bosniaco di 23 anni che camminava a piedi in via del Collettore Primario. L’uomo non era in regola con i documenti di soggiorno e, soprattutto, era inottemperante al decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Roma lo scorso dicembre 2018, con cui gli veniva intimato di lasciare immediatamente il territorio nazionale senza farne più ritorno. Il giovane è stato arrestato e condotto nelle camere di sicurezza della caserma, in attesa dell’udienza di convalida.
A Fiumicino, invece, i Carabinieri della locale Stazione sono dovuti intervenuti in un appartamento di via Anco Marzio, a seguito di una richiesta giunta al 112 che segnalava una lite in famiglia. I militari, prontamente arrivati nell’abitazione, hanno trovato un 26enne, con precedenti, che si era accanito, per futili motivi, contro l’anziano padre, suo convivente, prendendolo a calci e pugni. Il giovane è stato bloccato e arrestato per maltrattamenti in famiglia, e soccorso l’anziano, che ha confermato ai Carabinieri di aver subito analoghe aggressioni anche in passato. L’arrestato pertanto è stato condotto presso il carcere di Civitavecchia.
A distanza di qualche ora, sempre a Fiumicino, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 73enne del posto, destinatario di un’ordinanza di esecuzione della misura detentiva che il Tribunale di Roma nei giorni scorsi ha emesso nei suoi confronti. L’uomo, pertanto, è stato sottoposto alla detenzione domiciliare, perché colpevole di alcuni reati commessi contro la persona.
Ad Acilia, per lo stesso reato, i Carabinieri hanno denunciato un 59enne del luogo, che aveva aggredito la propria convivente. La donna, al culmine dell’ennesima lite con il compagno e delle quotidiane prevaricazioni subite nell’ambiente domestico, ha deciso di denunciare ai Carabinieri quanto le stava accadendo, nonostante le ulteriori minacce che il compagno le aveva rivolto per farla desistere dal querelarlo. Fuori dalla caserma, però, è stata raggiunta dall’uomo che, preso dallo stato d’ira, ha continuato ad urlarle contro in maniera incontenibile; il 59enne non si è placato neanche davanti ai militari che, richiamati dalle grida, sono subito accorsi in aiuto della donna, venendo spintonati. L’uomo, immediatamente bloccato, è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia e per resistenza a Pubblico Ufficiale.
Durante i capillari controlli, i Carabinieri di Ostia hanno, inoltre, individuato e arrestato in viale Vasco De Gama, un pregiudicato di 50 anni, già agli arresti domiciliari per reati contro la persona, dopo essere stato sorpreso in strada, in palese violazione delle prescrizioni imposte dal provvedimento. L’uomo è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.
Ancora ad Ostia, una donna di 48 anni è stata denunciata in stato di libertà perché responsabile del reato di rapina, a seguito della denuncia di una cittadina russa, di 41 anni, che aveva dichiarato di essere stata aggredita, nell’androne dell’abitazione via Andreotto Saracini, dalla 48enne che, sotto minaccia di un coltello, l’aveva costretta a consegnarle la propria borsa. L’attività d’indagine immediatamente avviata dai militari, anche attraverso il riconoscimento fotografico, ha permesso subito d’individuare la donna, già nota alle forze dell’ordine, che è stata immediatamente denunciata al Tribunale di Roma.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here