RomaOstia, decine i furti ai danni degli atleti. Sequestri nel campo nomadi di Castelromano

13/3/2017 – Doppio intervento di polizia e carabinieri all’interno del campo nomadi di Castelromano dove è stata recuperata refurtiva proveniente da furti portati a segno ieri ai danni dei partecipanti alla mezza maratona RomaOstia.

Il primo intervento ad essere stato effettuato è quello dei Carabinieri della Stazione di Tor de’ Cenci che hanno recuperato un’autovettura piena di oggetti proveniente dai furti ai danni degli sportivi. All’interno sono stati rinvenuti e restituiti ai legittimi proprietari 16 zaini e 11 buste asportate ai corridori. Nel corso i militari, nei pressi del campo nomadi di Castelromano, notando un’autovettura sospetta hanno deciso di controllarla quando, il guidatore ha accelerato la marcia provando a fuggire. Raggiunti dai carabinieri i tre occupanti dell’autovettura, verosimilmente nomadi domiciliati presso il campo di Castelromano, hanno abbandonato l’auto e sono fuggiti all’interno della tenuta Vaselli, facendo perdere le proprie tracce. I militari all’interno dell’autovettura hanno trovato molta refurtiva, 16 zaini e 11 buste, asportate ai partecipanti della mezza maratona RomaOstia che, in parte sono state restituite ai proprietari. Sono infatti 20 le persone che, fino a questo momento, sono rientrate in possesso dei loro beni. L’autovettura, intestata ad un nomade domiciliato nel campo nomadi è stata posta sotto sequestro, serrate indagini sono in corso per capire chi fossero gli occupanti dell’autovettura.

Anche la polizia di Stato è intervenuta nel corso della giornata di ieri nel campo nomadi di Castelromano. Qui infatti gli agenti del commissariato Spinaceto hanno recuperato gli oggetti rubati poco prima nel pulman di alcuni corridoi. A scoprire il furto alcuni dei partecipanti del gruppo sportivo di Luco dei Marsi (IL RACCONTO DEGLI ATLETI), che arrivati al pullman che li avrebbe riportati a Roma, hanno trovato le porte forzate e appurato il furto delle loro borse. Gli sportivi si sono rivolti alla Polizia di Stato che in breve è giunta nel parcheggio. Tra gli oggetti spariti c’erano alcuni smartphone di ultima generazione, le cui “app” di localizzazione, attivate dagli agenti insieme ai derubati, davano nei pressi del campo nomadi di Castelromano. Una vasta battuta è stata subito effettuata, all’interno del campo, dagli uomini diretti da Simone Macrì del reparto volanti e del reparto mobile. Durante le perquisizioni sono stati rinvenuti 8 borsoni contenenti capi di abbigliamento e diversi documenti di identità. Il tutto è stato restituito ai legittimi proprietari. Inoltre, durante le operazioni, sempre all’interno del campo nomadi, sono state sequestrate una spada del tipo katana, una replica di una pistola priva di tappo rosso ed una berlina priva di assicurazione. Una la persona è stata denunciata. Proseguono anche oggi le ricerche e le indagini degli investigatori che, hanno identificato molti residenti del campo, cercando di stabilire le responsabilità penali dei singoli.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here