Ostia, via i sigilli a Med e Salus

10/4/2016 – Via i sigilli agli stabilimenti Salus e Med. Sequestrati entrambi a dicembre 2016 nei giorni scorsi sono tornati pienamente operativi. Il primo a vedere la ripresa dell’attività è stato alcune settimane fa il Med di lungomare Caio Duilio gestito da Fabrizio Fumagalli presidente regionale del Sib Lazio. Lo scorso 22 dicembre gli agenti dell’ufficio edilizia del X Gruppo Mare della polizia locale coordinati dal comandante Antonio Di Maggio avevano effettuato l’intervento che al termine della misurazione delle strutture, la verifica delle autorizzazioni amministrative e la loro realizzazione, aveva portato all’apposizione dei nastri gialli. In particolare sotto la lente dei vigili urbani, dei colleghi dell’Agenzia del Demanio e della Capitaneria di Porto, era finita una costruzione di circa 500 metri quadrati oltre ad una pedana di legno di circa 1500 mq. Un sequestro che aveva portato Fumagalli a dimettersi dall’incarico ricoperto nel Sib. “Confido – aveva detto il balneare – di poter chiarire al più presto la mia legittimità dinanzi al Giudice ed agli Organi competenti”. All’inizio del mese invece il sequestro – questa volta parziale – era scattato per lo stabilimento Salus di lungomare Paolo Toscanelli. I sigilli in particolare sono stati apposti per presunti abusi edilizi al ristorante del bar, alle cucine della tavola calda, nonché al mattonato esterno violando i mq concessi nel 2003. In quell’occasione era stato denunciato il concessionario. Da pochi giorni ancora una volta la rimozione dei sigilli e il dissequestro della Polizia Giudiziaria del Gruppo X Mare di Ostia dopo la rimozione delle difformità urbanistiche. Interventi effettuati a cura dello stesso concessionario. Una cinquantina i lavoratori della struttura che sono potuti tornare così a lavoro. Dissequestri che arrivano quasi in contemporanea con i lavori di demolizione che i concessionari dei chioschi presenti sulla spiaggia di Capocotta stanno effettuando e che precedono la riconsegna definitiva delle strutture che è sempre più probabile questa estate resteranno chiuse.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here