Caramelle e messaggi antimafia nelle piazze dello spaccio, la Befana della legalità conquista Ostia


7/1/2022 – “La Befana vien di notte…” recitava un vecchio adagio. Stavolta invece la “Befana della legalità” ha scelto ad Ostia di muoversi in pieno giorno, per farsi vedere bene dalle famiglie, dal quartiere, portando quel messaggio di presenza dello Stato e di rispetto delle regole che possono costituire per le nuove generazioni il miglior regalo possibile, quello d una vita onesta e serena.

L’iniziativa del Comitato collaboratori di Giustizia (Co.G.I), voluta dalla sua portavoce Maricetta Tirrito, per l’occasione travestiva da simpatica nonnina, ha visto come teatro due dei punti nevralgici della criminalità ostiense, piazza Gasparri e la zona della Skate park. Insieme a volontari e alle forze dell’ordine, le piazze dello spaccio sono diventate le piazze dei dolciumi e dei messaggi importanti.

Tra caramelle e carbone dolce, i bambini – accorsi numerosissimi per incontrarla – hanno trovato anche la foto dei magistrati uccisi dalla mafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, con la scritta “Chi vive nella legalità non muore mai”.

E la sorpresa, in verità, più che trovarla nelle calze l’hanno fatta proprio i bambini, che nonostante la tenera età hanno mostrato di sapere benissimo chi fossero i due magistrati e quali valori rappresentassero le loro figure, che hanno strappato più di qualche applauso.

“E’ stata un’Epifania speciale, entusiasmante – racconta Maricetta Tirrito – Vedere così tanti bambini giocare felici e liberi in quelle piazze spesso dominio di malaffare è stato liberatorio; ancor più vedere i bambini e le bambine consapevoli delle figure di Falcone e Borsellino, del valore dell’onestà, e respirare la voglia di crescere con principi sani. Ostia è pure questa, anzi è soprattutto questa, anche nelle zone dove meno potresti aspettartelo. Ostia è fatta di gente perbene e di famiglie sane che insegnano ai propri figli il senso profondo della legalità, del sacrificio, della correttezza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here