X Municipio, Di Giovanni (M5S) lascia la Commissione Controllo e Garanzia


13/7/2021 – “Mi sono dimesso questa mattina, con una lettera inviata all’ufficio di Presidenza del Consiglio, dalla Commissione Speciale Controllo e Garanzia, non potendo più tollerare l’uso strumentale ed irrispettoso che il Presidente Malara continuava ad attuare”. Così in una nota Antonino Di Giovanni, Capogruppo M5S al X Municipio e Vice-Presidente della Commissione Speciale Controllo e Garanzia.

“La mia decisione di rassegnare le dimissioni è maturata nel tempo ed a seguito di ripetuti comportamenti autarchici del Presidente, da me più volte sollecitato ad una maggior condivisione o scambio di informazioni con gli stessi membri commissari come anche, ad esempio, le richieste di commissione a norma di regolamento da parte della maggioranza, continuamente eluse, dopo aver preso esso stesso impegni, finanche durante i consigli, con la promessa di convocare al più presto. A nulla sono valsi i tentativi, di una maggior collaborazione, anzi spesso e mio malgrado, nella maggior parte dei casi, mi sono trovato insieme ai miei colleghi di maggioranza, ad arrivare in commissione senza mai aver precedentemente preso visione della documentazione relativa l’oggetto della convocazione.

Oltre a ciò, – prosegue Di Giovanni – il Presidente Malara in più occasioni ha acquisito dagli ospiti presenti una documentazione di cui non sempre si è chiarita la provenienza che, invece, doveva essere precedentemente acquisita attraverso un accesso agli atti da parte dello stesso Presidente e comunicata con congruo anticipo ai commissari. Ritengo, inoltre, gravi ed inaccettabili i comportamenti del Presidente, che ha permesso in più di un’occasione all’interno della Commissione che alcuni ospiti e consiglieri di opposizione ingiuriassero la parte politica di maggioranza, spesso con gravi accuse, non supportate da nessun elemento probatorio, senza intervenire a limitare episodi di questo tenore. Non avendo più intenzione di tollerare una simile condizione, – conclude – ho rassegnato stamattina le mie dimissioni, in quanto quello che dovrebbe essere il luogo istituzionale per la ricerca della trasparenza e della verità è stato trasformato in un comitato elettorale, a scopo di mera propaganda politica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here