Ostia, nidi della tartaruga Caretta Caretta, il Municipio realizza delle linee guida su come comportarsi


14/07/2021 – Le spiagge libere di Ostia Ponente sono state scelte per ben due volte in poco tempo per la deposizione di uova da parte della tartaruga marina Caretta caretta, evento straordinario, segnale di grande importanza per la biodiversità.

Nel dettaglio la prima deposizione del 23 giugno è stata seguita da una seconda, a meno di due settimane, il 6 luglio con un numero complessivo di 207 uova deposte. Proprio per tutelare i possibili nuovi nidi il X Municipio in collaborazione con la Guardia Costiera ha realizzato una locandina che riporta le linee guida da seguire in caso ci si imbatta di una possibile deposizione. Tra le principali indicazioni c’è quella di non avvicinarsi al possibile nido e di avvisare immediatamente la Capitaneria di Porto al numero 1530. Saranno poi loro ad avviare tutte le procedure per mettere in sicurezza la uova e l’area di nidificazione.

“E’ fondamentale interferire il meno possibile quando siamo in presenza di questi animali (come del resto di tutti gli animali selvatici), sia se ci capita di incontrarli in mare che sulla battigia.” ammonisce Lisa Stanzani APS “Sotto al mare”

Secondo Filippo Fratini, biologo marino, “è probabile una terza deposizione nei prossimi giorni da parte della stessa tartaruga, tuttavia questi eventi potrebbero essere un ulteriore segnale del riscaldamento del Mediterraneo.

“Al fine di tutelare e favorire questa preziosa presenza sul nostro Litorale è fondamentale saper riconoscere i nidi e segnalarli immediatamente agli organi di competenza per la loro protezione ”ricorda Alessandro Polinori vice Presidente LIPU BirdLife Italia

“Come Amministrazione ci siamo subito attivati con il prezioso contributo dell’Osservatorio Ambientale, delle associazioni ed esperti del settore per redigere un prontuario semplice ed intuitivo ad uso dei fruitori delle spiagge ” dichiarano il Vicepresidente Alessandro Ieva e l’Assessore alla Transizione Ecologica Andrea Gasparini.

“Per il riconoscimento dei nidi e per la loro segnalazione è stata quindi elaborata questa locandina digitale che spiega come procedere nell’eventualità di tale ritrovamento” aggiunge Federica Segalini, presidente Osservatorio Ambientale e conclude asserendo “sarà quindi determinante il coinvolgimento di cittadini ed associazioni per tutelare e difendere questa sorprendente specie protetta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here