Esaudito il sogno di tornare allo stadio per 3 ragazzi della Fondazione Roma Litorale

Tre giovani seguiti dalla Fondazione Roma Litorale all’Olimpico per tifare Italia. Galloni: “Andata e ritorno dallo stadio in totale autonomia, segno di inclusione”. 


21/06/2021 – Dopo tanti mesi di restrizioni si corona il sogno di tre ragazzi con disabilità intellettiva e del neurosviluppo: tornare allo stadio e tifare. Tre giovani accomunati da una passione comune e irrefrenabile, il calcio e l’Italia.

“Una serata speciale – spiega il direttore generale della Fondazione ISC Roma Litorale, Stefano Galloni, che segue i ragazzi -. Era un loro desiderio e siamo riusciti a coronarlo. Sono con noi da quando sono molto piccoli, hanno fatto passi da gigante. Andare allo stadio, con i familiari, ma in totale autonomia significa continuare quel percorso di autodeterminazione sul quale abbiamo puntato da sempre. Uno di loro lavora con un contratto a tempo indeterminato, un altro è inserito nella nostra agenzia lavoro. Vuol dire dare a tutti l’opportunità di essere inseriti e dare il loro contributo alla società”.

“Un ringraziamento davvero di cuore va a coloro che ci hanno donato i biglietti: l’associazione israeliana ‘hagshamat chalom’ ‘Per la realizzazione dei sogni’, Roman Abramovich, l’organizzatore israeliano Ghilad Salter, Riccardo Pacifici presidente dell’associazione ‘Beth Michael’, il traduttore Alberto di Consiglio, la Comunità ebraica di Ostia e di Roma con la quale abbiamo stretto un rapporto di amicizia fondamentale per tutti nel territorio. Cercheremo di contraccambiare sempre al meglio l’amicizia e la fratellanza che ritengo ci unisca, nel rispetto di valori universali che ci legano e a cui non rinunceremo mai”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here