Sinistra Italiana: “Isola Ambientale ad Ostia Antica? Stravaganza grillina”


28/04/2021 – “L’accelerazione elettorale è come il sonno della ragione: genera mostri. L’idea di schiacciare l’acceleratore per realizzare l’isola ambientale ad Ostia Antica, nonostante le enormi preoccupazioni e le perplessità dei residenti, è più vicina ad un incubo piuttosto che ad un sogno che finalmente si realizza. E pensare che i residenti sono anni che discutono di progetti per pedonalizzare Ostia Antica, dotando contemporaneamente il territorio di nuovi servizi, al fine di trasformare uno dei borghi più belli di Roma in una località turistica di altissimo pregio”. Lo dice in una nota Marco Possanzini, Segretario Sinistra Italiana X Municipio.

“Purtroppo – prosegue – l’imminente scadenza elettorale non lascia spazio ad alcun tipo di confronto con i cittadini aprendo contestualmente le porte a progetti che rischiano di danneggiare ulteriormente una delle realtà più belle del nostro Municipio. Senza un piano per la viabilità alternativa, senza la realizzazione di parcheggi capaci di ridurre quasi a zero la necessità di muoversi all’interno di Ostia Antica con il mezzo di trasporto privato, l’idea dell’isola ambientale rischia di diventare un incubo e non un sogno che si realizza. Molti non sanno che l’ufficio postale e la farmacia di Ostia Antica, tanto per fare due esempi, sono unici nell’arco di chilometri. I residenti di Stagni e Longarina, ad esempio, come potranno andare all’ufficio postale e in farmacia se potranno solamente transitarci davanti senza potersi fermare? Non ci vuole un Premio Nobel e nemmeno un CTS per capire che prima di trasformare Ostia Antica in una isola pedonale serve realizzare dei parcheggi adeguati così come è necessaria una sostenibile modifica della viabilità interna. Ma il M5S lo sa che, anche grazie alle autorizzazioni firmate dal Campidoglio, è stato costruito nel cuore di Ostia Antica una specie di inguardabile ecomostro che ospiterà al piano terra un grande ipermercato? Il flusso di clienti che andrà a fare spesa dove si fermerà con l’auto? Qualcuno si è posto questa domanda? Per altro, va detto con chiarezza, Ostia Antica non verrà trasformata in isola pedonale ma in “isola ambientale”, una furbata lessicale che si tradurrà solamente nella cancellazione delle aree parcheggio esistenti e nella realizzazione di due percorsi pedonali su Via dei Romagnoli che verrà, inevitabilmente, ristretta. Praticamente, una volta entrati ad Ostia Antica, si potrà solamente transitare su Via dei Romagnoli senza avere la possibilità di fermarsi. E’ un’idea consapevole? Eppure i cittadini sono anni che discutono su una vera quanto attesa pedonalizzazione di Ostia Antica. Basterebbe attivare un confronto con tutte le realtà locali per mettere in campo un progetto di grande qualità, sostenibile, capace di dare una nuova luce, una nuova veste, al borgo di Ostia Antica che ricordiamo essere  uno dei luoghi più belli di Roma. La scelta del M5S nel procedere nella realizzazione della così detta isola ambientale ad Ostia Antica – spiega ancora Possanzini – è in realtà un provvedimento elettorale che rischia di essere un danno anziché una opportunità di rilancio. Chiediamo ancora una volta il coinvolgimento del cittadini perché certi progetti hanno bisogno di un’ampia discussione pubblica per essere arricchiti e prima di essere avviati. Pedonalizzare Ostia Antica significa avviare un progetto condiviso, strutturato e sostenibile che preveda delle priorità come ad esempio l’abbattimento delle barriere architettoniche esistenti. Ricordiamo  al M5S che, relativamente al Ponte Pedonale della Stazione di Ostia Antica, c’è una Ordinanza firmata da un Giudice che ne prevede l’abbattimento entro 60 giorni. Sarebbe utile sapere se e come, – conclude – nell’arco delle prossime settimane, la barriera architettonica più vergognosa d’Italia verrà abbattuta visto che c’è anche una sentenza di condanna che grava sul Campidoglio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here