Stadio della Roma, il cda giallorosso stoppa il progetto. “Di impossibile realizzazione”

Dopo lo stop allo stadio della Roma il Capidoglio rassicura: "Le opere pubbliche previste, come il potenziamento della Roma-Lido, verranno portate avanti"


27/02/2021 – Che il nuovo stadio della Roma non fosse nato sotto i migliori auspici era ormai chiaro. Che il progetto di Tor di Valle non fosse gradito a molti altrettanto ma che a dare lo stop definitivo fosse proprio la squadra giallorossa era inaspettato, o quasi.

Nella realtà già da alcuni giorni giravano voci che nella riunione del consiglio di amministrazione della Roma sarebbero arrivate novità sull’impianto sportivo e che queste novità non sarebbero state positive era ormai quasi scontato.

E ieri come da copione è arrivato lo stop. “Progetto di impossibile realizzazione” così una nota del cda ha definito la realizzazione del nuovo stadio della Roma ormai incompatibile con un modo cambiato da Covid-19.

“La proprietà della AS Roma intende investire, per essere competitiva, in una squadra vincente che possa giocare in un nuovo stadio moderno ed efficiente. – si legge nel comunicato stampa rilasciato – Il Consiglio di Amministrazione sulla base degli approfondimenti condotti da advisor finanziari, notarili e legali di primario standing, nonché alla luce delle ultime comunicazioni di Roma Capitale, ha verificato che non sussistono più i presupposti per confermare l’interesse all’utilizzo dello stadio da realizzarsi nell’ambito dell’attuale progetto immobiliare relativo all’area di Tor Di Valle, essendo quest’ultimo progetto divenuto di impossibile esecuzione. Il Consiglio di Amministrazione – dopo aver esaminato le analisi svolte dagli advisor in merito alle condizioni finanziarie, economiche, giuridiche e fattuali del progetto e del relativo proponente – ha preso atto che tali condizioni impediscono di procedere ulteriormente. Il Consiglio di Amministrazione ha constatato, inoltre, che anche la pandemia ha radicalmente modificato lo scenario economico internazionale, comprese le prospettive finanziarie dell’attuale progetto stadio.

Tale decisione è stata presa dal Consiglio di Amministrazione nell’interesse della Società, ricordando che la stessa sarebbe stata la mera utilizzatrice dell’impianto, ed è stata comunicata all’Amministrazione di Roma Capitale in data odierna.

Ciò posto, la Società conferma l’intenzione di rafforzare il dialogo con l’Amministrazione di Roma Capitale, la Regione e tutte le Istituzioni preposte, le Università di Roma e le Istituzioni sportive, per realizzare uno stadio verde, sostenibile ed integrato con il territorio, discutendo in modo costruttivo tutte le ipotesi, inclusa Tor di Valle, e valutando tutte le possibili iniziative a tutela degli interessi della Società, di tutti i suoi azionisti e dei suoi tifosi”.

Proprio ieri sera non appena diffuso il comunicato del cda è arrivata la risposta del Campidoglio “della decisione presa autonomamente questa sera dal Cda dell’A.S. Roma in merito al progetto per la realizzazione dello stadio a Tor di Valle. Si tratta di una valutazione imprenditoriale. Rassicuriamo i cittadini che le opere pubbliche previste, come il potenziamento della ferrovia Roma-Lido e la realizzazione del Ponte dei Congressi, verranno portate avanti dall’Amministrazione capitolina”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here