Sinistra Italiana X Municipio: “Ex nido di Via Mar dei Caraibi, certificare l’esistenza di sostanze nocive”


29/9/2020 – “In un Municipio come il nostro, praticamente privo di spazi pubblici e luoghi di socialità, vedere l’ex nido di Via Mar dei Caraibi in uno stato letteralmente disastrato fa male al cuore. La struttura, posizionata al confine con la Scuola Comunale per l’infanzia “Stella del Mare” e dell’enorme plesso scolastico Mar dei Caraibi, è a rischio crollo e molto  probabilmente rappresenta una minaccia per la salute delle persone e per l’ambiente in generale”. A denunciarlo è Marco Possanzini, Segretario Sinistra Italiana X Municipio. “Le pareti del prefabbricato, vista l’età della struttura, sono molto probabilmente farcite di amianto e di chissà quali altre sostanze nocive per la salute. Vandalizzazioni e incendi hanno completato l’opera di distruzione e, ad oggi, materiali di ogni tipo sono dispersi ovunque, addirittura in forma volatile osservando i rivestimenti danneggiati che fuoriescono dai pannelli costituenti le pareti del fabbricato. Esiste quindi un pericolo concreto quanto silenzioso per la salute dei bambini, che quotidianamente si recano a scuola a pochi metri da questi manufatti disastrati, e dei  residenti del quartiere esposti potenzialmente a respirare la pericolosa fibra killer così come altre sostanze nocive. Per il controllo, la demolizione e la messa in sicurezza di questo immobile sembra siano stati stanziati circa 200.000 euro ma finora l’Amministrazione non ha dato notizie sugli interventi da eseguire e sulle certificazioni relative alle sostanze nocive presenti in quella ex scuola prossima al collasso strutturale, praticamente nessuno ha mosso un dito. Vogliamo chiarezza, le voci di corridoio e le rassicurazioni più o meno ufficiose non bastano più. E’ il momento di certificare una volta e per tutte quante e quali sostanze nocive sono presenti fra i rottami di quell’edificio e conseguentemente di chiedere che quei 200.000 euro siano spesi immediatamente per avviare la bonifica dell’area in questione. Abbiamo inviato ad ARPA Lazio e alla ASL RM 3 una richiesta di intervento al fine di certificare, una volta e per tutte, quali sostanze siano presenti fra quei rottami. E’ questo l’unico modo per stimolare l’Amministrazione ad intervenire. Non va mai dimenticato che il Sindaco di una città è formalmente responsabile della salute dei cittadini e – conclude – quindi non può ignorare o sottovalutare una possibile emergenza sanitaria derivata dalla presenza di sostanze gravemente nocive come possono esserlo l’amianto, soprattutto quando la “bomba” ambientale confina con dei plessi scolastici”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here