Ostia, “Ho lasciato il portafoglio a casa”. Truffatore in azione in via delle Baleniere


15/07/2020 – Un truffatore in azione nel centro di Ostia. Nei giorni scorsi sono infatti diverse le segnalazioni della presenza, soprattutto nell’area di via delle Baleniere, di un uomo che, con diverse scuse, riuscirebbe a farsi prestare denaro promettendo di restituirlo a breve per poi sparire. Episodi, che si stanno rincorrendo sui social dove l’uomo, che si presenta sempre in maniera educata e cortese, è stato soprannominato “il truffator borghese”.

“Nel palazzo vicino al mio qualche sera fa una signora rientrava a casa sua verso le 19 di sera – scrive l’inquilina di un condominio che affaccia su una traversa di via delle Baleniere – Mentre apriva la porta di casa, dalle scale di sopra è sceso questo individuo che le ha detto di aver comprato l’appartamento al piano superiore e che volendo vedere la situazione si era purtroppo dimenticato le chiavi dell’appartamento ed il portafoglio nell’altra sua casa ed ha chiesto in prestito dei soldi per la benzina promettendo di andare e ritornare subito e di restituirli appena ritornato. La signora – ha concluso la condomina – purtroppo gli ha creduto e gli ha dato 20 euro. Chiaramente il tipo non è più tornato e la signora il giorno dopo ha scoperto che nessun appartamento è stato venduto e che è stata vittima di una truffa.”

Diverse le segnalazioni di truffe portate a segno ed altre fallite. “Un tipo distinto  – racconta l’inquilino di un altro palazzo – si è piazzato vicino al nostro portone ed a una persona che usciva dal nostro portone per buttare la spazzatura ha detto di essere un parente di un altro condomino (avrà sicuramente letto il cognome dal campanello) e non so con quale scusa ha chiesto i soliti soldi per la benzina. Questo condomino invece non è cascato nella trappola e non gli ha dato nulla”.

Stesso giorno e nuovo tentativo di truffa ai danni di un altro condomino. Questa volta trovando il portone aperto è entrato ed ha suonato un campanello (alle 10 si sera!): “Diceva di essere il figlio di un altro condomino e chiedeva i soliti soldi per la benzina” Anche questo condomino non gli ha dato nulla.

Da quanto riferisce un amministratore di condomini che gestisce vari abitati questo individuo, non nuovo ad espedienti del genere per i quali sarebbe già stato ammanettato “è solito fare questo tipo di truffe ad Ostia ed è ben conosciuto dalla polizia“.

“In questo periodo di crisi – commentano dal Centro Socio Pedagogico La Ciurma – in cui cresce esponenzialmente la povertà queste truffe ci mettono di fronte un genere di comportamenti criminali anche lontani dal nostro immaginario comune; non solo più gli spauracchi degli sbandati visibili ‘ad occhio nudo’ ma occorre essere pronti a trovarsi di fronte quelle ‘persone decadute’ che per disperazione e solitudine, non trovando nella società civile gli strumenti di una rivalutazione e reinserimento, finiscono per trasformarsi in nuovi predatori. Questo – continuano dalla Ciurma – ci mette in allarme non solo per proteggere i nostri più fragili, le nostre case, ma nel cercare di fare maggiore rete sociale territoriale.  Il buon livello esibito da questo “truffatore borghese”- conclude il Centro nella Scuola C. Segurana –  nell’abbigliamento e nel linguaggio, ci mostra come il fenomeno della marginalità sociale cominci a riguardare anche persone capaci di azioni non improvvise e quasi istintive ma tattiche e strategiche, manovalanza che potrebbe diventare speciale e particolarmente raffinata per una criminalità organizzata.” (SDT)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here