X Municipio, Coronavirus, Cotti Zelati (Commissione Pari Opportunità): “In prima linea per le fasce più deboli”


30/3/2020 – “La commissione pari opportunità dall’inizio della consiliatura è in prima linea per sostenere le fasce dei più deboli e degli ‘’ultimi’’ considerati troppo spesso ‘’invisibili’’. In questo momento di difficoltà per tante famiglie è ancora più importante sollecitare i sentimenti di unità, fratellanza e solidarietà”. Così in una nota la Presidente della Commissione Pari Opportunità del Municipio Roma X, Filomena Cotti Zelati. 
“Sono tante, le buone pratiche che si possono mettere in campo per migliorare la società e spesso sono a costo zero per l’amministrazione municipale. La commissione pari opportunità – prosegue la Presidente – ha lavorato in sinergia con le categorie di commercianti per far emergere alcune pratiche, che messe insieme costituiscono un circolo virtuoso per il sostegno alle persone in stato di fragilità economica. Da poco è stata approvata in consiglio l’adesione al caffè sospeso, tradizione napoletana che consiste nel pagamento del caffè, pane, ed altri beni di prima necessità, utili a dare un piccolo sostegno a chi ne ha bisogno.  Abbiamo approvato infine – precisa la Consigliera del X municipio – anche il “Bene sospeso” che riguarda beni culturali e di svago come libri, giornali, biglietti cinema e teatro e giocattoli. Sarà importante appena tutte le saracinesche saranno riaperte, aiutare anche i settori dell’intrattenimento, dell’editoria e giocherie, fortemente penalizzati e in sofferenza a causa del Coronavirus, aderendo al bene sospeso. Invitiamo quindi gli esercenti di beni alimentari, le edicole ad aderire apponendo comunicazione circa questa possibilità e in seguito a tutti gli esercizi commerciali perché questa catena di solidarietà non si dovrà interrompere quando torneremo alla normalità ma dovrà far parte della consuetudine di ognuno di noi per dare un aiuto ai più deboli lasciare in sospeso un bene pagato da noi. Queste pratiche non aiutano solo i più fragili – conclude la pentastellata – ma anche i commercianti che possono così vedere aumentato in piccola parte i consumi interni ed è per questo che confidiamo nella sensibilità di tutti e in una massiccia adesione da parte di esercenti e cittadinanza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here