Controlli a tappeto dei carabinieri. 7 arresti e 3 denunce


28/2/20202 – I Carabinieri del Gruppo di Ostia, nell’ambito dei molteplici servizi di controllo del territorio espletati nella giornata di ieri con la collaborazione del personale dell’8° Reggimento “Lazio”, hanno proceduto all’arresto di 7 persone e alla denuncia di altre 3.

Nel corso dei controlli alla circolazione stradale sono state identificate 175 persone, controllati 109 veicoli ed elevate varie contravvenzioni al Codice della Strada. Rafforzate anche le verifiche nei confronti delle persone sottoposte alle misure restrittive della libertà personale presso i propri domicili.

I Carabinieri della Stazione di Ostia Antica hanno arrestato una coppia di coniugi romani per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due, entrambi con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, sono stati sottoposti ad un controllo all’interno dell’abitazione dove l’uomo, un 57enne disoccupato, si trovava agli arresti domiciliari. Insospettiti dall’atteggiamento della coppia, visibilmente innervosita dalla presenza in casa dei Carabinieri, i militari, ritenendo che i due avessero qualcosa da nascondere, hanno deciso di sottoporre i locali ad un’accurata perquisizione. L’attività ha consentito di rinvenire e sequestrare 300 g di droga, fra marijuana e hashish, 1.000 euro in contanti, e materiale necessario per pesare e confezionare la droga. Gli arrestati sono stati ristretti in regime di detenzione domiciliare, in attesa di essere tradotti presso il Tribunale di Roma per l’udienza di convalida.

I Carabinieri della Stazione di Ostia, invece, hanno arrestato un 44enne con l’accusa di evasione. L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per reati in materia di sostanze stupefacenti, al controllo non è stato trovato nella sua casa di viale Vasco de Gama, ed è stato rintracciato dai militari mentre – privo di autorizzazione – stava facendo rientro nella propria abitazione. E’ stato, pertanto, nuovamente ristretto agli arresti domiciliari, in attesa delle decisioni del competente Magistrato di Sorveglianza.

Ieri sera, gli stessi Carabinieri di Ostia hanno individuato ed arrestato un 26enne di origine cilena, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall’Autorità spagnola per reati contro il patrimonio. L’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Roma Regina Coeli.

Sempre ad Ostia, i Carabinieri hanno denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità, una 28enne che, in evidente stato di alterazione psicofisica, durante un normale controllo si è rifiutata di fornire le proprie generalità, tentando poi di prenderli a calci. L’esagitata è stata riportata alla calma e nei suoi confronti è scattata una denuncia in stato di libertà.

I Carabinieri della Stazione di Acilia hanno arrestato, su disposizione della Procura della Repubblica di Roma, un uomo ed una donna, entrambi con precedenti, condannati in via definitiva ad oltre 5 anni di reclusione per reati contro la persona ed il patrimonio. I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

È stato invece individuato all’interno del Centro di Permanenza e Rimpatrio di Ponte Galeria, un 49enne di origine marocchina condannato ad un anno di reclusione dalla Corte di Appello di Genova per spendita e introduzione nello stato di monete false. I Carabinieri lo hanno arrestato e portato in carcere a Rebibbia.

A Fiumicino, i Carabinieri della Stazione di Fregene hanno denunciato in stato di libertà il gestore di un bar-internet point. A seguito di un controllo, svolto congiuntamente a personale della società che gestisce l’erogazione di corrente elettrica, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo, un 54enne, mediante un allaccio abusivo, aveva sottratto indebitamente l’energia elettrica per il fabbisogno del proprio esercizio commerciale.

Sempre a Fiumicino, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà un 26enne, già noto alle forze dell’ordine, per furto aggravato. Poco prima, si era impossessato di alcuni capi di abbigliamento dall’interno di un negozio del centro commerciale “Parco Leonardo”. I militari, di pattuglia nella zona commerciale, hanno sorpreso il malfattore con la refurtiva nascosta in uno zaino. Tutto quanto rinvenuto è stato riconsegnato al negozio derubato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here