Manuel Bortuzzo, chiesta la condanna a 20 anni per i due aggressori

La famiglia chiede un risarcimento di 10 milioni di euro


23/9/2019 – Una condanna a 20 anni di reclusione per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, accusati del tentato duplice omicidio del nuotatore Manuel Bortuzzo e della fidanzata Martina Rossi, rimasta illesa solo per un caso, avvenuto la notte del 2 e 3 febbraio scorsi in piazza Eschilo all’Axa. E’ la richiesta fatta dal pm Elena Neri, nell’ambito di un processo svolto con rito abbreviato, per la sparatoria in cui rimase paralizzato il nuotatore raggiunto da un colpo di pistola calibro 38. Il pubblico ministero contesta inoltre ai due anche la premeditazione e l’aggravante dei futili motivi, la detenzione e la ricettazione di arma da fuoco e la rissa avvenuta presso il pub O’Connell Irish Pub.
Nel procedimento il Comune di Roma si è costituito parte civile.

Nell’ordinanza con cui il gip Costantino De Robbio convalidò l’arresto dei due 24enni di Acilia si affermava che Marinelli e Bazzano quella notte avevano “sparato per uccidere” in un vero e proprio “raid di morte”. A farne le spese Manuel Bortuzzo che nel pub non era neanche entrato e che stava acquistando un pacchetto di sigarette al distributore automatico della vicina tabaccheria.

“Una sentenza severa per Manuel già c’è stata: la consulenza medica che ha sancito per lui la paralisi delle gambe. Ora attendiamo una sentenza giusta anche dal giudice. Abbiamo chiesto 10 milioni di risarcimento“, ha affermato l’avvocato Massimo Ciardullo, legale del nuotatore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here