Litorale, controlli dei carabinieri, 4 arresti e 3 denunce

30/7/2019 – Nel corso dei molteplici servizi attuati nel territorio di competenza dei Carabinieri di Ostia, sono state arrestate 4 persone ed altre 3 sono state denunciate in stato di libertà.
In tale contesto, nel corso dei frequenti controlli effettuati presso le principali fermate della metropolitana, nella mattinata di ieri, i Carabinieri hanno identificato un 33enne di origine peruviana che si aggirava nei pressi della stazione Lido – Centro, all’esito dei successivi accertamenti l’uomo è risultato inadempiente al “divieto di fare rientro nel territorio nazionale” emesso dal Prefetto di Roma nel 2017. Lo straniero è stato quindi arrestato e trattenuto nelle camere di sicurezza dell’Arma, in attesa dell’udienza di convalida.
I molteplici servizi attuati nella giornata di ieri dai Carabinieri, sia a piedi sia in auto, sulle principali arterie hanno consentito di identificare complessivamente 148 persone e controllare 63 veicoli. In questo frangente è stato denunciato 1 giovane per “guida in stato di ebrezza” poiché sorpreso alla guida con un tasso alcolemico di 1,47 gr/lt., di molto al di sopra a quello consentito (0,5 gr./lt.), un altro è stato sanzionato solo amministrativamente poiché guidava la vettura con tasso alcolemico di 0,78 gr/lt., inoltre 3 persone segnalate alla Prefettura di Roma per l’uso personale di sostanza stupefacente.
Ancora ad Ostia, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della locale Compagnia, hanno fermato a piedi nel corso di un normale controllo, nei pressi dell’ospedale “Giovan Battista Grassi” di Ostia, una 33enne romana, con trascorsi penali alle spalle. Nel tentativo di sottrarsi al controllo e in evidente alterazione psico-fisica, la donna ha immediatamente aggredito i militari con sputi e spintoni, sferrando numerosi calci anche contro la portiera dell’auto di servizio. L’esagitata, immediatamente bloccata e trasportata in ambulanza presso il vicino ospedale, è stata denunciata per “resistenza a Pubblico Ufficiale” e “danneggiamento”.
I Carabinieri di Casalpalocco, nel corso del servizio di pattugliamento della zona, hanno individuato e arrestato un albanese di 50enne, già gravato da precedenti di polizia, per tentato furto in abitazione. Lo stesso aveva scavalcato il muro perimetrale di recinzione e si era arbitrariamente introdotto all’interno di una villa, forzandone una finestra al piano terra. Il ladro era stato, poi, sorpreso dall’anziana proprietaria all’interno della camera da letto, mentre rovistava tra i vestiti in cerca di qualcosa di prezioso; la donna non si è persa d’animo ed ha subito chiamato i Carabinieri. Il malfattore, che nel frattempo si era dato a repentina fuga, è stato arrestato di militari, prontamente accorsi, i quali l’hanno localizzato nelle vicinanze dell’abitazione. L’uomo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma, in attesa dell’udienza di convalida.
A Fiumicino, invece, nel tardo pomeriggio di ieri i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 20enne di origine tunisina, già noto alle forze di polizia, per “detenzione ai fini
di spaccio di sostanze stupefacenti”. Il pusher è stato fermato e controllato a bordo di un’autovettura, unitamente ad altre 2 persone, venendo trovato in possesso di vari involucri contenenti hashish e della somma contante di quasi 500 euro. Nel corso della successiva perquisizione, estesa anche all’abitazione del malfattore, i militari hanno rinvenuto e sequestrato altre 42 dosi della medesima sostanza, abilmente occultate in vari nascondigli. Sono così scattate le manette ai polsi del giovane straniero, che è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa delle decisioni del magistrato.
I Carabinieri della Stazione di Fregene hanno denunciato in stato di libertà un 45enne del
posto, per “detenzione abusiva di munizioni”. La denuncia è nata da un controllo, effettuato su delega del Tribunale di Firenze, sulle armi detenute; all’esito dell’accertamento è, infatti, risultato che l’uomo, oltre alle 3 pistole regolarmente detenute, possedeva vari proiettili non dichiarati e, pertanto, illegalmente detenuti. Alla luce di quanto scoperto, i militari hanno proceduto, in via precauzionale, al sequestro amministrativo di tutto l’armamento, anche di quello legalmente in possesso dell’uomo.
Ancora, i Carabinieri della Stazione di Acilia hanno individuato e arrestato, in esecuzione del provvedimento del Tribunale di Viterbo, un 30enne albanese che, già sottoposto agli arresti domiciliari in un’abitazione di Dragona per un altro reato, in conseguenza di una successiva condanna, dovrà scontare ulteriori 5 mesi e 12 giorni di reclusione per reati contro il patrimonio.
Infine, i Carabinieri hanno effettuato numerosi controlli alle attività commerciali presenti a Vitinia e ad Ostia, rispettivamente con il personale del X Gruppo Mare della Polizia Locale di Roma Capitale e con il Gruppo Carabinieri Tutela Salute. Le verifiche hanno consentito di denunciare il titolare di un esercizio commerciale di Vitinia, nel cui locale sono state rilevate violazioni in relazione alla tracciabilità degli alimenti e alle caratteristiche degli stessi; ad Ostia sono stati sanzionati tre esercenti, titolari di altrettanti rivendite di alimenti, che avevano posto in vendita prodotti scaduti di validità, non rispettando le modalità di conservazione degli stessi; complessivamente sono state elevate sanzioni amministrative per quasi 8.000 euro, oltre al sequestro di quasi 30 chili di carne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here