Fiumicino, ok alla mozione sullo stato di calamità. Prosegue la conta dei danni causati dalla tromba d’aria


29/07/2019 – Via libera alla mozione che impegna la giunta regionale a riconoscere ed approvare lo stato di calamità naturale per il Comune di Fiumicino colpito nella notte tra sabato e domenica da una devastante tromba d’aria che ha causato la morte della 26enne Noemi Magni.

“La mozione – spiega il consigliere del Pd regionale Michela Califano – impegna la giunta a istituire un fondo speciale regionale per sopperire ai danni causati dal maltempo, da assegnare direttamente al Comune per i danni subiti dall’amministrazione, dai cittadini per le loro abitazioni e per tutte le attività di servizio, di commercio e artigiane coinvolte dalla terribile tromba d’aria. E avviare interventi di ripascimento sulle nostre spiagge, che con il maltempo di sabato notte hanno subito un’ennesima mazzata”.

Nel frattempo prosegue la conta dei danni a Focene. Una ventina le case colpite dalla tromba d’aria. Per gli abitanti di una di questa è stato necessario ricorrere ad un ricovero di emergenza.

La coda della tromba d’aria ha colpito, distruggendole, 25mila metri quadri di serre dell’azienda Tiozzo in località Santa Ninfa.

Sempre per effetto dello stesso fenomeno, sono almeno una decina le macchine danneggiate, a vario livello, a Focene.

Oltre alla tromba d’aria, il resto del territorio è stato interessato da un forte vento che ha scoperchiato una casa a Passoscuro. Anche in questo caso, l’anziana signora che la abitava è ricorda ad una sistemazione provvisoria presso parenti.

Gli interventi della Protezione civile e della Polizia locale sono proseguiti per tutta la giornata di ieri per via del vento che ha continuato ad interessare il comune.

Due pali di Telecom sono caduti su via Castel Campanile e un albero ha bloccato via Tre Denari. Entrambe le strade sono state chiuse per metterle in sicurezza e poi riaperte. In queste ore Telecom sta ripristinando la linea telefonica.

Da ieri su via dei Polpi e su Coccia di Morto cinque mezzi dotati di braccio meccanico stanno rimuovendo i calcinacci provocati dalla tromba d’aria, operazioni rallentate ieri pomeriggio dalla pioggia che intorno alle 17 ha ripreso a cadere.

“Convocherò una giunta d’urgenza per chiedere lo stato di calamità – spiega il sindaco Esterino Montino – che abbiamo già anticipato con l’ordinanza di ieri. Ringrazio la Protezione civile, la Polizia Locale, gli uffici dei nostri assessorati, la Polizia, i Carabinieri e i Vigili del fuoco – prosegue il sindaco – per il preziosissimo lavoro che hanno svolto fin dalla notte tra sabato e domenica e che stanno continuando a portare avanti in queste ore. Confermo – conclude – la decisione di dichiarare il lutto cittadino nel giorno dei funerali della giovane Noemi, vittima innocente della furia della tromba d’aria. Alla sua famiglia rinnovo la mia vicinanza e quella di tutta l’amministrazione comunale”.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here