Municipio X, vita e leggenda di Giuliana Salce da accusata ad accusatrice


26/06/2019 – Marciatrice medaglia d’oro ai Campionati del Mondo di atletica leggera indoor di Parigi del 1985 sui 3 km di marcia; medaglia d’argento nella stessa disciplina indoor nel 1987 ad Indianapolis e Lièvin. Sono soltanto alcuni dei titoli che Giuliana Salce si è aggiudicata nel corso della sua carriera; titoli che le hanno dato modo di essere inclusa nella Hall of Fane-I migliori atleti di sempre della Fidal.

La campionessa è ospite ospite del Chiostro del Municipio X venerdì 28 giugno dove sarà presentato il libro “Tacco e punta Giuliana, tacco e punta!” del quale è autore Massimiliano Morelli.

Nel testo si racconta la vicenda di donna e atleta; esperienze dolorose che hanno portato la Salce sull’orlo del baratro passando dalle violenze subite all’anoressia e alla bulimia fino alla dolorosa esperienza del doping che da “signora della marcia” l’ha portata ad essere prima vittima e poi accusatrice con una serie di denunce portate avanti per liberarsi di un peso che le ha permesso di uscire dalla ragnatela nella quale era rimasta intrappolata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here