Ostia, accoltellamento a Lido Centro, il padre dell’arrestato: “Non sono affiliato agli Spada”


30/05/2019 – Non accetta di essere accostato al Clan Spada Marcello De Dominicis il padre di Maurizio De Dominicis arrestato per aver ucciso il 19enne Mohamed Gabr Mostafa Salem in una rissa scoppiata nel piazzale antistante la stazione di Lido Centro dopo presunte molestie alla nipote 15enne. “Non era la prima volta che quegli egiziani infastidivano mia nipote, la molestavano pesantemente. – racconta a Silvia Mancinelli dell’Adnkronos – Era già successo una volta e mio figlio ha deciso di lasciar correre, una seconda ma non sono stati trovati sul posto, la terza sappiamo purtroppo com’è andata a finire. A mio figlio è partita la brocca e io mi ritrovo a esser definito ‘un affiliato del clan Spada’”.

“Tutto inizia quando, due giorni fa, mia nipote chiama il padre spiegandogli di esser stata aggredita da un gruppo di egiziani alla fermata dei bus: insultata e molestata lei, preso a schiaffi il fidanzato – racconta De Dominicis – Mio figlio, a quel punto, ha preso la mia macchina, una vecchia Opel, ed è corso alla stazione. Lì è successo quello che è successo, ma io che colpa ne ho? Oltre al fatto che mi hanno sequestrato l’auto, ed è ovviamente il minimo, – prosegue Marcello – si è detto di Maurizio che è figlio di un affiliato del clan Spada. Io, che vivo a Ostia ponente da 45 anni e che lavoro in un garage condominiale. Gli Spada naturalmente li ho visti, abitando nella stessa zona, ma mai ci ho parlato, mi ci sono scambiato messaggi o fatto foto”. E la paura di ulteriori ripercussioni è molta: “So bene chi sono e lo sanno anche quanti mi conoscono, la mia famiglia – conclude – ma qui a Ostia c’è la guerra tra clan, se chi non mi ha mai visto crede sia un affiliato degli Spada e mi spara?”

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here