Ex Gil, scontro tra opposizione e maggioranza

08/02/2019 – L’iter per la ristrutturazione dell’ex Gil e le condizioni dell’attuale caserma della Polizia locale del X gruppo sono stete ieri al centro della riunione del consiglio municipale. Un incontro che non ha soddisfatto l’opposizione che ancora una volta accusa la maggioranza pentastellata di non prendere decisioni nette.

“Il Movimento Cinque Stelle fa fatica a capire che governa il Municipio e non può limitarsi a presentare delle piccole risoluzioni generiche, vaghe e spesso ridicole per risolvere i problemi”. Spiega il Capogruppo di Forza Italia in X Municipio Mariacristina Masi. “Abbiamo abbandonato l’Aula per protesta, dopo che su un argomento importante e delicato come quello della ex GIL e della situazione denunciata dalla Polizia Locale sui problemi di salute registrati in questi anni c’è stato un atteggiamento di chiusura totale, tanto che è stato perfino bocciato un emendamento presentato da tutti i gruppi di opposizione. L’intento propagandistico della risoluzione non ha permesso ai lavori del Consiglio di proseguire in modo unanime e determinato. Siamo in attesa del Consiglio Straordinario sull’argomento e presenteremo immediatamente la questione in Assemblea Capitolina, con una interrogazione e una mozione, sperando di trovare una volontà maggiore di affrontare e risolvere il problema senza inutili show”.

“Il progetto per il restauro dell’ex GIL di Ostia che dovrebbe ospitare il corpo di Polizia Locale del X Municipio e’ fermo per alcuni intoppi al Ministero di Grazia e Giustizia che ritardano la firma del protocollo di intesa con Regione e Roma Capitale I soldi pari a 10 milioni furono stanziati dal precedente governo, il progetto è pronto e la gara già effettuata ma i lavori non possono partire senza la firma del protocollo da parte del Ministero che doveva essere firmato già da diversi mesi”. Spiega Athos de Luca capogruppo del Partito Democratico. “Vista l’urgenza di trasferirci gli oltre 200 vigili del X Municipio attualmente  ospiti di un immobile privato con un affitto di oltre un milione ha presentato una interrogazione urgente al presidente del Municipio perchè solleciti anche attraverso la sindaca il Ministro Bonafede ha sbloccare al più presto la pratica. Fra le altre cose tra i vigili del X Municipio si registra una percentuale di tumori come risulta dalle relazioni della Asl attribuite alle condizioni ambientali dell’immobile”.

“Ieri in consiglio municipale, riguardo il documento della caserma vigili, i 5 stelle hanno messo in scena un’altra farsa hanno voluto votare un documento che rimarrà nei meandri dei cassetti della Presidente piuttosto che accettare un emendamento dell’opposizione che mirava a rendere più preciso e mirato il dispositivo”. Spiega Monica Picca di Fratelli d’Italia. “Una maggioranza che non sa più cosa fare, una maggioranza che non ascolta più nessuno, non solo a causa della loro inadeguatezza ma anche per l’arroganza politica che li fa arroccare su posizioni che non fanno bene al territorio e ai cittadini. In merito alla caserma della polizia locale come Fdi abbiamo chiesto un consiglio straordinario in cui tutte le parti, comprese quelle sindacali, potranno dire la propria e condividere il problema è la risoluzione dello stesso insieme alla parte politica”.

A rispedire le accuse al mittente è il Gruppo del M5S del X Municipio. “Paradossale la sceneggiata delle opposizioni (tranne Laboratorio civico X), che in aula oggi sul documento presentato dal Movimento 5 Stelle, sull’Ex Gil per accelerare i lavori, erano in perfetta confusione. Prima dichiarano di non votarlo, poi dichiarano di votarlo, poi propongono un emendamento già compreso nel nostro dispositivo, insomma una opposizione allo sbando, inconcludente ed estremamente pretestuosa, incapace di prendersi la responsabilità di votare un documento utile alla cittadinanza, opposizione, dunque, che alla fine abbandona l’aula e come Ponzio Pilato, se ne lava le mani. Facile far politica in questo modo, senza prendersi le responsabilità, su un documento utile per accelerare l’iter dei lavori dell’ex Gil, che permetterebbe al X Municipio, non solo di trasferire in quella sede storica e di pregio, il Corpo dei Vigili Urbani, sottraendoli ad un sito di cui ancora si disconoscono le cause che creano malattie agli operatori, ma che permetterebbe, un enorme risparmio di denaro pubblico a fronte di un accordo scellerato, fatto dal Comune di Roma nell’era Veltroni, che garantiva ad un privato tramite la stipula di un contratto di affitto, un 1.200.000,00 euro l’anno. Il Movimento 5 Stelle del X Municipio, continuerà la sua politica a sostegno dei cittadini e dei lavoratori dei questo territorio, in quanto non gli interessano i proclami politici di qualche consigliere furbetto, che pensa di avere a che fare con degli sprovveduti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here