Anffas Ostia: “Oggi la diagnosi precoce dell’autismo è al 70%”

Il direttore Anffas Ostia Stefano Galloni: “Progetto funziona, dopo 10 anni ragazzi inseriti nel mondo del lavoro”.


23/01/2018 – “Nel 2007, quando partì il progetto sperimentale sull’autismo di Anffas Ostia, solo il 20 per cento dei bambini presi in carico aveva una diagnosi precoce, prima dei 4 anni di età. Nel 2017 questa percentuale è cresciuta fino a toccare il 70 per cento”. Così il presidente di Anffas Ostia, Ilde Plateroti, alla presentazione della relazione annuale di servizio del nuovo Dipartimento Anffas Ostia sui disturbi dello spettro autistico.

“Un progetto – spiega il direttore generale Stefano Galloni – nato nel dicembre 2016, a seguito del riconoscimento definitivo dell’Asl Roma 3 dopo oltre 10 anni di sperimentazione. Si tratta di qualcosa di unico, che mette le persone al centro e coinvolge direttamente le famiglie e un ente accreditato. Non esistono esempi simili, con le stesse specifiche scientifiche e tecnologiche in tutto il CentroSud Italia, per di più a titolo totalmente gratuito e sotto il controllo della Asl Roma 3. I risultati sono eccezionali. Basti pensare che la maggior parte dei ragazzi che stiamo inserendo a livello lavorativo provengono proprio dal progetto autismo”.

Nel 2017 Anffas Ostia ha erogato oltre 20mila ore di interventi specialistici individuali coinvolgendo 60 tra bambini e ragazzi tra i 4 e i 17 anni, e le relative famiglie e scuole. I tecnici impegnati nel servizio sono stati 32, coordinati dall’equipe multidisciplinare rappresentata dal professor Francesco Cesarino direttore sanitario di Anffas Ostia, dalla neuropsichiatra Silvia Giovinazzo medico responsabile del Dipartimento e dal supervisore dottoressa Ilaria Fontana.

“Dati questi – continua il Dg Anffas Ostia – che verranno poi presentati a febbraio in un convegno al quale parteciperanno l’Asl Roma 3 e la Regione Lazio preparatorio dell’ECM per la formazione continuativa di medicina e riabilitazione, che arriverà sulla scia del corso internazionale del 2013 a cui parteciparono oltre 200 tecnici di settore, con formatori e docenti giunti da diversi paesi esteri per portare il proprio contributo scientifico”.

“Gli obiettivi che Anffas Ostia Onlus aveva fissato con l’Asl Roma 3 e il comitato scientifico interno hanno sicuramente prodotto i loro effetti grazie anche alla collaborazione con i Policlinici Universitari con i quali cooperiamo – conclude il presidente Ilde Plateroti -. Il tutto avvenuto grazie a un rapporto sempre più stretto con il Tsmree dell’Asl Roma 3 diretto dal dottor Nonnis. Una ‘best pratice’, la dimostrazione di come ci possano essere grandi risultati quando c’è un indirizzo sanitario e un controllo attento dell’ente pubblico e al tempo stesso un ente privato accreditato serio come Anffas Ostia che opera in forte sinergia con tutte le parti in causa”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here