Sinistra Italiana: “Riappropriamoci del mare di Roma, liberiamolo da ogni illegalità”

4/6/2017 – “Non ci bastano le promesse elettorali a 5 stelle che si trasformano in clamorosi nulla di fatto o peggio in Ordinanza Balneare (LEGGI IL TESTO COMPLETO) che sembra una stretta di mano bella e buona ai balneari, il mare di Roma ha bisogno di essere liberato dagli abusi e dall’illegalità che lo tengono prigioniero. Punto”. A dirlo è Marco Possanzini, Coordinatore Sinistra Italiana X Municipio che ha partecipato a “Camminiamo insieme, liberiamo il mare di Roma dagli abusi e dal Lungomuro”, passeggiata dal Pontile di Ostia fino a largo Magellano – “Ed è per questo che ci siamo ritrovati, numerosi più che mai, per ribadire forte e chiaro che il “mare in gabbia” non lo vogliamo più, per dire che il mare di Roma merita tutt’altro. Eravamo in tanti e tante, con noi c’erano i Consiglieri Comunali di Sinistra Italiana Angelo Petrillo e Antonio Bonanni, c’era il Segretario di Sinistra Italiana Roma Area Metropolitana Adriano Labbucci, c’era il Senatore di Sinistra Italiana Massimo Cervellini. Una “passeggiata disobbediente” che ci ha portati dal Pontile alla spiaggia libera di Largo Magellano accompagnati da una imbarcazione con striscione sulla fiancata che riportava sinteticamente i motivi della nostra protesta. Vogliamo il libero e gratuito accesso al mare, vogliamo che il mare di Roma torni a liberare risorse per tutti e non per pochi, vogliamo – conclude Possanzini – che sul mare di Roma venga rispettata la legge. Nelle prossime settimane ci rivolgeremo alle Istituzioni perchè, nonostante tutto e con una arroganza inaccettabile, c’è ancora chi si permette con arroganza di non rispettare le regole sul mare di Roma”.

“Camminiamo insieme, riappropriamoci del nostro mare, risorsa di tutti, da valorizzare e condividere per la fruizione pubblica dei beni comuni e per la legalità!” A dirlo è il senatore di Sinistra Italiana Massimo Cervellini – Come ogni anno ci siamo ritrovati sul Pontile di Ostia, per portare avanti, con Sinistra Italiana, la battaglia contro la condizione di sequestro degli arenili, per dire no al “Lungomuro” di tutte le mafie, no alla criminalità, no all’abusivismo”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here