Esplosione Dragoncello, in migliaia per i funerali di Debora e Aurora

2/1/2017 – Due bare bianche accolte da un lungo applauso e da migliaia di persone. Sono iniziati puntuali alle 14,30 i funerali di Debora e Aurora, mamma e figlia, rimaste uccise dal crollo della loro casa in via Giacomo della Marca a Dragoncello provocata dall’esplosione di una bombola del gas. Tante, tantissime le persone che hanno voluto dare l’ultimo saluto a due vite spezzate in maniera assurda. A reggere le bare papà Massimiliano e Lorenzo, gli unici due componenti della famiglia scampati alla tragedia. Un giorno di lutto cittadino, quello proclamato dal sindaco di Roma Virginia Raggi che oggi ha preso parte alla funzione nella chiesa di San Francesco d’Assisi in largo Cesidio da Fossa insieme al consigliere Paolo Ferrara e alla delegata Giuliana di Pillo. Con loro i rappresentanti dei vigili del fuoco che quel maledetto mercoledì hanno scavato per ore sotto le macerie nel tentativo di strappare Debora e Aurora alla morte. E poi i rappresentanti della Croce Rossa, della polizia locale, della protezione civile e dei carabinieri di Ostia e Acilia. Ma soprattutto tante, tantissime persone, che hanno affollato il piazzale antistante la parrocchia e i palloncini, i fiori e le lettere. “Sarete sempre con noi” la frase che colpisce e spezza il cuore.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here