X Municipio, il consiglio non viene programmato, l’opposizione occupa l’aula consiliare



09/05/2019 – L’opposizione occupa l’aula consiliare del X Municipio. E’ accaduto questa mattina per protesta alla decisione della maggioranza del M5S di non convocare la seduta del giovedì del consiglio municipale.
“Oggi abbiamo tentato di occupare l’aula consiliare del Municipio X per protestare contro la decisione unilaterale della maggioranza M5S, neppure concordata in capigruppo, di non convocare il consiglio per oggi, come avviene ogni giovedì, mentre la città sta franando su strade disastrate, buche, spiagge libere sporche e bandi in ritardo”. Spiega Andrea Bozzi, capogruppo delle liste civiche “Ora” e “Un Sogno Comune”. “Ma evidentemente davanti alle criticità e a centinaia di documenti protocollati dalle opposizioni che aspettano di essere discussi, la maggioranza pensa bene di arroccarsi e di tappare la bocca ai consiglieri che rappresentano la cittadinanza. Una volta entrati, però, ci hanno impedito anche di utilizzare l’aula consiliare e a quel punto abbiamo tenuto una conferenza stampa improvvisata per denunciare ciò che accade. Il bando sulle manutenzione delle strade – aggiunge – lo deve fare il Dipartimento capitolino Simu, perché purtroppo non siamo un Comune Autonomo e come tutti i Municipi siamo sempre a ricasco di Roma, ma aspettiamo da mesi che lo facciano e la maggioranza, che dovrebbe essere la prima a protestare, fa finta di nulla e allarga le braccia, mentre i cittadini rischiano l’incolumità ormai ovunque. È il segno più chiaro di una subalternità totale al Campidoglio e di una grande debolezza politica. D’altronde, per fare un altro esempio, anche “Educamp”, il campus estivo che il Coni organizza ogni anno presso lo Stadio “Giannattasio” di proprietà del Comune, sta saltando, perché il Campidoglio da un anno non fa potare le alberature. E anche qui il Municipio tace invece di difendere le tabte famiglie coinvolte e fa solo il gioco della Raggi. Mi chiedo – conclude Bozzi – se la Presidente Di Pillo abbia capito, dopo un anno e mezzo di governo, che i cittadini di Ostia, Acilia e del nostro entroterra l’hanno votata per migliorare le condizioni della nostra città e non per difendere gli interessi del suo partito”.
“Ad Ostia con tutte le emergenze e problemi del territorio alla vigilia della stagione balneare e con centinaia di documenti da discutere in attesa da mesi, la maggioranza a 5 Stelle senza neppure convocare i capigruppo dopo la “vacanza di 15 giorni del lungo ponte” fa saltare il consiglio. – Spiegano Athos de Luca, capogruppo del Partito Democratico e il consigliere del Pd Margherita Welyam. – Questa mattina giorno in cui si sarebbe dovuto svolgere il consiglio, tutti i consiglieri dell’opposizione PD, Forza Italia, Lega, Fratelli d’italia e le due liste civiche hanno occupato il Municipio per tenere una conferenza stampa di protesta e censura nei confronti della Giunta Di Pillo. Abbiamo denunciato duramente l’irresponsabilità della maggioranza dei 5 Stelle che con arroganza e scarso senso del dovere e rispetto delle istituzioni, a fronte dei tanti e gravi problemi del X Municipio e dei numerosi provvedimenti fermi da mesi si sono presi il lusso di non convocare il consiglio. Come diceva Longanesi “sono buoni a nulla e capaci di tutto”.
“Dopo “ponti” e “ponticelli” del mese di Aprile, questa maggioranza municipale prosegue come nulla fosse sottraendosi alla discussione pubblica evitando abilmente di convocare il Consiglio Municipale anche questa settimana”. Lo dice Marco Possanzini, Segretario Sinistra Italiana X Municipio. “Eppure di cose da discutere ce ne sarebbero tante e tutte molto serie. Non aver convocato il consiglio municipale nemmeno questa settimana non è solamente un atteggiamento “sciatto” da parte di una maggioranza che a parole si spende per la partecipazione salvo poi far esattammente il contrario come dimostrano i fatti, ma è una precisa linea politica che prevede proprio l’aggiramento delle difficoltà evitando il confronto pubblico. C’è sul tavolo l’esposto presentato dal Consigliere De Luca relativamente al ritardo di due mese nel pubblicare sull’albo pretorio l’ordinanza balneare invernale, c’è il tema relativo alla manutenzione stradale oramai divenuto di assoluta emergenza in quanto non passa giorno senza un incidente provocato dalla assenza di manutenzione, c’è il tema della condizione in cui versano le spiagge così come ci sono tante altre questioni “bollenti” che il Consiglio Municipale ha il dovere di affrontare e discutere a patto che venga convocato. Questo comportamento della maggioranza fa il paio con, ad esempio, la scelta di approvare il bilancio municipale in due minuti netti in modo da sottrarsi alla discussione, evitando così di motivare le bocciature agli emendamenti. Questo “arroccarsi” invece di confrontarsi, così come la democrazia vorrebbe, – conclude Possanzini – è tipico di chi sta esaurendo anche la forza propulsiva delle giustificazioni, per altro sempre le stesse. Non si governa blindandosi nella torre, non si governa sperando che il tempo sani le ferite perchè, invece di guarire, si infetteranno sempre di più.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here