Notte di paura ad Ostia. Spari nella roccaforte degli Spada

"Non ci facciamo intimidire da minoranza mafiosa”. Lo scrive su Twitter il sindaco Virginia Raggi

26/11/2017 – Una nottata di paura quella appena trascorsa ad Ostia ponente. E’ qui che sono emersi chiaramente i segni di una guerra tra clan che rischia di esplodere con violenza. Ben tre i raid che hanno avuto come obiettivo la famiglia criminale degli Spada.

Il primo ha visto scenario l’esterno dell’abitazione di Silvano Spada, 33enne pluripregiudicato. Poco dopo le 22 ignoti dopo essersi introdotti all’interno della palazzina di via Antonio Forni 22 hanno esploso cinque colpi di pistola contro la porta d’ingresso blindata dell’abitazione poi la fuga. Nessun ferito ma tanta paura all’interno della palazzina svegliata dal rumore delle esplosioni. L’ingresso della palazzina è di fronte alla palestra Femus art school gestita da Roberto Spada fino al sequestro avvenuto nel 2015.

Quasi contemporaneamente un altro componente della famiglia di origine sinti che sul Lido è legata al traffico di droga e l’usura è finito nelle mire del commando che ha preso a sprangate la porta dell’appartamento di Giuliano Spada, 44enne cugino di Roberto Spada ritenuto il reggente del clan e fratello di Silvano. La porta dell’abitazione popolare all’ultimo piano di via Baffigo 55 ha resistito ai colpi dei balordi.

Sul posto è intervenuta la Polizia scientifica e la squadra mobile. Volanti della Polizia presidiano l’area. Le indagini degli inquirenti proseguono a 360 gradi. Al momento non si esclude che gli episodi possano essere collegati alla sparatoria avvenuta giovedì scorso in una pizzeria di via delle Canarie dove sono state ferite due persone tra cui il nipote di un esponente dei Fasciani.

Ultimo episodio quello avvenuto in strada, in via Umberto Cagni. Qui ad essere mandati in frantumi sono stati il lunotto posteriore e il parabrezza di una Seat Ibiza di proprietà di un incensurato di 64 anni a Ostia in visita ad un parente. L’episodio seppur avvenuto negli stessi minuti non sarebbe però ricollegabile con la guerra tra clan.

Su tutti gli episodi sta indagando la polizia del Commissariato di Ostia e la Direzione distrettuale antimafia di Roma.

“#FuoriLaMafiaDaRoma. Bene Minniti su Ostia. Istituzioni unite sono risposta a malavita. Siamo con cittadini, non ci facciamo intimidire da minoranza mafiosa”. Lo scrive su Twitter il sindaco Virginia Raggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here