X Municipio, Bozzi: “Contro l’illegalità creare l’accademia della Polizia Locale”

27/10/2017 – “Decine di cassonetti sono stati dati alle fiamme in varie zone del X Municipio. Un atto che ha coinvolto e danneggiato anche tre automobili creando un danno ai cittadini e al decoro del territorio. Noi vogliamo adottare un sistema di utilizzo dei cassonetti attraverso una tessera magnetica che permetta solo a chi paga le tasse di poter aprire i contenitori”. Lo dichiara Andrea Bozzi Candidato Presidente al X Municipio delle Liste Civiche per l’Autonomia ORA e UN SOGNO COMUNE.

“Una soluzione  – prosegue Bozzi – adottata già in molte altre città e che permette di contrastare inoltre la piaga del rovistaggio. Il meccanismo potrebbe includere anche una sorta di ‘scatola nera’ che memorizzi gli utenti che hanno usato il cassonetto. Un metodo che, insieme ai sistemi di videosorveglianza, aiuterebbe nelle indagini le forze dell’ordine. E’ fondamentale però dare maggiori risorse per la sicurezza del territorio. Con l’autonomia potremmo gestire un nostro corpo di Polizia locale, utilizzando le risorse economiche che oggi vengono dislocate per le necessità di tutta Roma. Ciò che invece potremmo fare subito dopo le elezioni è creare l’Accademia della Polizia locale dove organizzare i corsi di formazione obbligatori per gli agenti. La legalità si costruisce attraverso la costruzione di un tessuto culturale: è questa la prima difesa contro la criminalità. L’Accademia della Polizia locale, collocata all’interno della ex Gil, sarebbe frequentata dal corpo di Roma e dai gruppi provenienti da altri Comuni limitrofi come Pomezia e Fiumicino. Uno scambio di esperienze per lo svolgimento del lavoro ma anche un indotto economico per le casse dell’amministrazione che attraverso convenzioni con altri enti e Comuni della Città metropolitana potrebbe utilizzare i fondi per incrementare il parco mezzi. Inoltre – conclude Bozzi – migliaia di agenti, per centinaia di ore l’anno, utilizzerebbero i servizi del X Municipio creando un sano rilancio economico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here