Fiumicino, la Polizia soccorre un imbarcazione “doryde” con due persone a bordo

19/7/2018 – Nella mattinata di ieri, l’unità navale veloce della squadra nautica della Polizia di Stato PS1244 di stanza a Fiumicino, durante un servizio di perlustrazione del fiume Tevere, congiuntamente a personale militare della Guardia Costiera della Capitaneria di Porto di Roma – Fiumicino,  ha effettuato un intervento di soccorso ad una grossa Unità Navale di circa 16 mt con scafo in legno, che navigava con evidenti difficoltà di manovra in un tratto particolarmente pericoloso del fiume per la presenza di numerose  imbarcazioni ormeggiate lungo le banchine. Perso il controllo, la barca andava ad urtare un altro natante ormeggiato, sulla murata sinistra.

Gli operatori, valutata la situazione di alto rischio posta in essere dalla rotta incontrollata e dalla velocità tenuta dall’imbarcazione, nonché dal fatto che le due persone a bordo non rispondevano alle chiamate effettuate sulla frequenza di soccorso,  decidevano di abbordare la barca, riuscendo, con elevato rischio per gli operatori, a trasbordare tre di essi.

Assunto il comando, riuscivano poi a fermare le macchine e con l’aiuto della vedetta, utilizzata per spingere lateralmente la grossa barca, ad assicurarla alla banchina.

Risolta la fase di emergenza, gli operatori denunciavano il comandante per aver intrapreso, avventatamente, la navigazione in un tratto di canale stretto e pericoloso, senza accertarsi, prima della partenza, che la nave fosse idonea al viaggio da intraprendere, omettendo di richiedere l’intervento delle autorità preposte, mettendo in pericolo la navigazione delle altre Unità Navali presenti in zona insieme a quella delle persone a bordo.

Saranno disposti a cura della Capitaneria di Porto di Fiumicino ulteriori verifiche tecniche, volte ad accertare le cause che hanno  reso l’imbarcazione ingovernabile, nonché le reali condizioni di navigabilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here