Ostia Antica, le mura medioevali tornano libere dai ponteggi

18/05/2018 – Via i ponteggi dalle mure medioevali di Ostia Antica. E’ stato infatti aperto questa mattina il cantiere per la rimozione delle strutture che da 12 anni facevano brutta mostra di sé in piazza Ravenna.

La situazione si sblocca a gennaio quando la polizia locale del X gruppo chiede l’intervento degli specialisti dell’area archeologica di Ostia Antica che verificano lo stato dei ponteggi, nonostante l’impalcatura non sia di loro proprietà.
A febbraio la sostituzione delle parti ormai ammalorate e l’avvio dei lavori che vedono a marzo la realizzazione di indagini diagnostiche che consentono di avere un quadro preciso di cosa sia stato fatto in precedenza e dove sia necessario ancora intervenire per impedire cedimenti. Quindi infine il restauro della parte di mura di competenza del demanio che riporta all’integrità la merlatura.

Se una parte delle mura sono finalmente andate via restano ancora quelle all’esterno di Borgo di proprietà privata e sulle quali si sta lavorando per trovare un accordo.

Tarroni (PD Ostia Antica) – “Dodici anni: tanto è durata l’attesa per ‘rivedere’ finalmente le mura del Borgo che ospita, tra le altre cose, la chiesa di Sant’Aurea e il Castello di Giulio II. Per ben dodici anni, l’arco di piazza Ravenna è stato deturpato dalle impalcature per ragioni di pubblica incolumità. E l’immobilismo degli enti preposti ha soltanto prolungato l’agonia del centro storico di Ostia Antica. Ringraziamo la direttrice del Parco Archeologico Mariarosa Barbera per aver finalmente preso in mano la situazione, avviando il restauro delle muratura perimetrale. Purtroppo, la torre risulta ancora ‘ingabbiata’ e restano alcuni ponteggi all’esterno del Borgo, a ridosso delle porzioni di mura di proprietà privata. Ci auguriamo che le trattative con i proprietari vengano risolte quanto prima, affinché si possa completare l’opera e tornare a godere a pieno di questo gioiello storico-archeologico.” E’ quanto dichiara la coordinatrice del PD di Ostia Antica Fiorenza Tarroni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here