Aggredito Luigi Zaccaria. Bordoni: “L’aggressore di Casapound”. Grimaudo: “Mai avvenuto. Denunciato Zaccaria”

7/10/2017 – “E’ inquietante quello che è accaduto questa mattina a Luigi Zaccaria, candidato nella lista di Forza Italia, picchiato da un sedicente militante appartenente, sembrerebbe, a Casapound”. Lo dichiara, in una nota, Davide Bordoni, coordinatore e capogruppo al Campidoglio di Forza Italia. “Speriamo che le Forze dell’Ordine accertino subito la dinamica dell’accaduto. Oltre alla denuncia che verrà fatta dal nostro candidato nei confronti dell’aggressore, invitiamo il Prefetto a prendere immediati provvedimenti affinché ad Ostia si svolga una campagna elettorale pacifica, democratica e nel rispetto delle norme. Forza Italia non si lascia spaventare da queste azioni. Continueremo la nostra campagna elettorale portando avanti il nostro programma e i nostri principi politici”.
“Piena solidarietà dal partito locale a Luigi Zaccaria, candidato nella lista di Forza Italia. Il nostro coordinatore romano, Davide Bordoni, ha già richiesto l’intervento del Prefetto affinché siano assicurate le condizioni per svolgere le elezioni nel totale rispetto della democrazia, anche da parte di gruppi estremisti”. Lo dichiara, in una nota, Mariacristina Masi, coordinatore nel X Municipio di Forza Italia. “Noi continueremo a portare avanti la nostra campagna elettorale tra i cittadini, con il dovuto rispetto nei confronti degli avversari e con i toni dialoganti e moderati che ci contraddistinguono. Certe azioni, violente, come quella nei confronti di Luigi Zaccaria, sono al di fuori di qualsiasi confronto leale tra forze politiche e destano preoccupazione. Piena condanna, dunque, per questa ingiustificabile aggressione”.
“Voglio esprimere la mia totale vicinanza a Luigi, non solo come candidata della coalizione di centrodestra, ma soprattutto come amica. L’impegno politico deve sempre restare nel perimetro del confronto civile e pacifico, ma in special modo qualunque movimento si proponga alla guida di questo Municipio in nessun modo può permettersi di usare la violenza. Ci auguriamo che episodi di questo genere non accadano più e che la campagna elettorale, da ora in avanti, assuma toni distesi per garantire il miglior svolgimento possibile delle elezioni e del confronto politico”. È quanto dichiara in una nota Monica Picca, candidata del centrodestra al X Municipio.
A fornire però una versione alternativa di quanto accaduto è Valerio Grimaudo, candidato di Casapound al consiglio del X Municipio. “Abbiamo querelato il candidato del centrodestra Zaccaria che sta accusando CasaPound di aggressione nei suoi confronti. Zaccaria – spiega Grimaudo – si è fermato con la macchina mentre affiggevo manifesti elettorali insieme ad un ragazzo di 19 anni ed ha cominciato a minacciarci: secondo lui non dovevamo attaccare manifesti. Nonostante i toni aggressivi – racconta Grimaudo – non siamo caduti nella provocazione ed abbiamo atteso l’arrivo delle forze dell’ordine chiamate dall’esponente di Forza Italia. Dopo aver esposto i fatti abbiamo proseguito la nostra attività. Ora scopriamo di essere stati protagonisti di un’aggressione. Se il centrodestra pensa di recuperare voti su CasaPound con questi metodi – ha spiegato Grimaudo – siamo pronti a querelare tutti. A questo punto pensiamo infatti che Zaccaria sarà solo il primo di una serie di provocatori con cui avremo a che fare in questa campagna elettorale e non possiamo accettarlo”.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here