Ardea, Chikungunya, RivaluTiAmo Marina di Ardea chiede la “disinfestazione preventiva” dei punti a rischio

27/9/2017 – Nella notte del 19 settembre ad Ardea è iniziata la disinfestazione straordinaria nel raggio di 200 mt dal luogo in cui potrebbe essersi trasmesso il contagio da virus Chikungunya ad Ardea.

L’Associazione di Quartiere “RivaluTiAmo Marina di Ardea” a seguito di episodi accertati da contagio di virus Chikungunya trasmesso principalmente dalle zanzare tigre avvenuti ad Anzio, Roma, Aprilia, Latina, a scopo cautelativo per salvaguardare la salute dei cittadini, ha presentato al Comune di Ardea una richiesta relativa alla “Disinfestazione Preventiva” mirata solo in alcuni punti privati e pubblici, i quali presentano stato di abbandono, degrado e incuria nel territorio di Ardea e zone limitrofe.

“Non vogliamo fare allarmismo e non chiediamo di avvelenare Ardea, ma solo di salvaguardare la salute dei cittadini, attraverso la pulizia ed eliminazioni di ristagno d’acqua del territorio. – dice il presidente dell’associazione di quartiere Michele Di Stefano – A tal proposito, chiediamo che il Sindaco di Ardea emetta al più presto un’Ordinanza, per obbligare i Consorzi, Condomini e Proprietari di giardini, terrazzi, piscine, ecc. di manutenere i suddetti, compreso i sottovasi, in condizioni tali che non offrano l’habitat naturale ideale per il proliferare di zanzare – prosegue Di Stefano – Riteniamo, che solo attraverso un obbligo coercitivo si possa, forse, evitare o meglio ridurre il proliferare di zanzare che avviene da ristagno d’acqua domestico e pubblico; soprattutto quello pubblico, come ad esempio i canali ristagnanti come quello di Viale Forlì, Rio Torto, i canali di deflusso acqua piovana su Via Pratica di Mare e non solo che per via di ostruzioni causati purtroppo sempre dai soliti incivili che gettano frigoriferi, mobili, materassi, sacchi di calcinacci e rifiuti di ogni genere. In questi casi, chiediamo l’intervento straordinario da parte del Comune, per rimuovere tali ostruzioni e se necessita, anche una disinfestazione come da protocollo. A titolo informativo, ricavato da internet, – conclude Di Stefano -secondo esperti ricercatori internazionali, in alcuni contesti abitativi sono stati ritrovati sottovasi del diametro di 20 cm, con larve di Zanzara Tigre e zanzara comune fino a un numero complessivo di 200 larve/sottovaso. Per questo non si possono considerare esenti da rischio neppure le abitazioni prive di cortile soprattutto se dotate di balconi con piante e sottovasi o altri recipienti dove si raccolgono piccole quantità d’acqua.

 

 

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here