Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado.

9/7/2017 – Ieri pomeriggio i militanti di Casapound nel X Municipio di Roma hanno fatto l’ennesima azione di denuncia sullo stato di degrado e abbandono delle spiagge libere di Ostia.
“Mentre il M5S e la commissione prefettizia parlano di spiagge restituite alla legalità, in realtà la chiusura dei chioschi di Ostia ponente, e degli annessi servizi, ha favorito solo il degrado e l’abusivismo”. Commenta Luca Marsella, responsabile locale del movimento. “Dopo diverse segnalazioni dei cittadini e a poche settimane dalla riqualifica di queste spiagge siamo intervenuti nuovamente e abbiamo cacciato via le decine di venditori abusivi che, oltre a cianfrusaglie di dubbia provenienza, vendono anche bibite facendo concorrenza sleale ai legittimi concessionari delle strutture di Ostia ponente che invece sono sovente tartassati da controlli di vigili. – conclude Marsella – la nostra passeggiata di riqualifica si è svolta fino al porto e non abbiamo potuto non notare la pessima idea dell’amministrazione capitolina di posizionare i bagni chimici su strada. Ennesimo scempio evitabile quando sarebbe bastato riaprire i bagni già esistenti delle strutture chiuse per le quali, a causa dell’incapacità di commissari e M5S, nessun bando di affidamento è mai più stato fatto”.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here