Ordinanza antialcool in vigore anche da Ostia. Ma dov’è la movida?

6/7/2017 – Sembra quasi un “vabbè mettiamocela comunque” l’inserimento di Ostia all’interno delle aree dove entrerà in vigore  da domani l’ordinanza antialcool firmata ieri dal sindaco di Roma Virginia Raggi. Sul litorale romano infatti la movida che dovrebbe giustificare il “divieto di vendita, somministrazione e consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in specifiche aree del territorio capitolino oltre determinati orari” non c’è più da molti anni. Discoteche chiuse, lungomare deserto, praticamente nessuna attività commerciale aperta oltre gli orari canonici e poche,  anzi pochissime iniziative in grado di attirare turisti ma anche solo smuovere i lidensi. Eppure per la prima cittadina ad Ostia c’è talmente tanta vita notturna da dover addirittura includere Ostia nell’ordinanza. Una scelta che sembra tanto un voler ricordare i “fasti” di un passato dimentica.

Nel dettaglio la nota capitolina dice che: “Evitare che si verifichino episodi di violazione delle regole, dell’ambiente e del contesto urbano o di grave turbamento della quiete pubblica. Con questo obiettivo la sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, ha firmato un’ordinanza, valida dal 7 luglio al 31 ottobre, che stabilisce il divieto di vendita, somministrazione e consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in specifiche aree del territorio capitolino oltre determinati orari. Il provvedimento riguarda le zone più esposte al fenomeno della ‘movida’, – prosegue la nota – dove si registrano con maggiore frequenza episodi degenerativi: per esempio le aree del Centro Storico, Rione Monti, Celio, Esquilino, Trastevere, Testaccio, Prati, San Lorenzo, Ponte Milvio, Eur, Ostia. L’elenco dettagliato delle strade è consultabile sul sito di Roma Capitale.
In tutti i giorni delle settimana sarà vietato agli avventori:
– Dalle ore 24.00 alle ore 7.00: il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nelle strade pubbliche o aperte al pubblico transito. Sanzione amministrativa pecuniaria pari a 150 euro
– Dalle ore 22.00 alle ore 7.00: il consumo d bevande alcoliche e superalcoliche in contenitori di vetro nelle strade pubbliche o aperte al pubblico transito. Sanzione amministrativa pecuniaria pari a 150 euro
– Dalle ore 24.00 alle ore 7.00: la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche da parte di chiunque risulti, a vario titolo e in forme diverse, autorizzato e/o legittimato alla vendita al dettaglio, per asporto, nonché attraverso distributori automatici e presso attività di somministrazione di alimenti e bevande. Sanzione amministrativa pecuniaria pari a 280 euro
– Dalle ore 2.00 alle ore 7.00: la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, da parte chiunque risulti, a vario titolo e in forme diverse, autorizzato alla somministrazione di alimenti e bevande, anche nelle aree esterne attrezzate di pertinenza del locale, o attraverso distributori automatici e in circoli privati. Sanzione amministrativa pecuniaria pari a 280 euro
Tutti gli esercenti saranno, inoltre, obbligati a esporre all’interno e all’uscita del locale, in modo visibile e leggibile, un avviso tradotto in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) con una schema in cui vengono indicate tutte le misure stabilite dall’ordinanza”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here