Fiumicino, tendopoli immigrati, Poggio: “Presentata interrogazione per capire chi sapeva”

25/7/2017 – “Ho presentato questa mattina un’interrogazione indirizzata al sindaco per sapere come sia stata individuata e chi abbia dato la disponibilità all’installazione di una tendopoli che dovrà ospitare diverse centinaia di immigrati nell’area di Pesce Luna. Se esiste un progetto ed eventualmente i soggetti che lo abbiano presentato. I costi che graveranno sulle tasche dei cittadini per la realizzazione di quest’opera e chi ne usufruirà”. Lo dichiara il consigliere comunale Federica Poggio. “Sarò mal fidata io ma non riesco a credere che autorevoli esponenti che militano in quei partiti che oggi sostengono il Governo Gentiloni e che hanno ricoperto importanti incarichi nazionali nel passato recente, non sapessero di questo progetto. Come già accaduto per il centro immigrati di via Bombonati si continuano a prendere decisioni sopra le nostre teste, senza che nessun cittadino venga preventivamente informato e la città coinvolta in queste scelte. Fiumicino non è adatta a ospitare una tendopoli del genere. Non può ospitare altre centinaia di immigrati. Qui non si tratta di essere ‘razzisti’ ma piuttosto realisti. Il nostro tessuto sociale è già provato duramente. Come si fa a spiegare a chi non arriva a fine mese, a chi è stato licenziato, a chi non trova lavoro, a chi non riesce a pagare mutui e tasse che si spenderanno milioni di euro per una tendopoli e che per loro invece nulla sarà fatto? Dispiace solo che a strapparsi le vesti oggi siano le stesse persone che non alzarono un dito quando un anno fa dal giorno alla notte venne realizzato un centro immigrati all’interno dell’abitato cittadino dell’Isola Sacra. Quel giorno io e altri consiglieri d’opposizione scendemmo piazza per far rispettare i diritti della nostra città e siamo pronti a farlo nuovamente. – conclude Poggio – Chissà, magari visto che siamo vicini alle elezioni troveremo al nostro fianco qualche altro esponente politico che solo oggi si accorge di Fiumicino.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here