Chi comanda sulla Litoranea? Tra parcheggiatori e sosta selvaggia

16/7/2017 – Chi comanda sulla via Litoranea? È la domanda che inevitabilmente in molti si faranno fatti percorrendo la strada che collega Ostia a Torvaianica in una giornata estiva. Fin dalle prime ore della mattina è infatti un lungo susseguirsi di parcheggiatori abusivi, macchine in doppia fila e manovre fuori legge.

Le aree più “critiche” inevitabilmente sono quelle in prossimità dei Cancelli e dei chioschi di Castelporziano. Qui infatti nonostante il passaggio delle forze dell’ordine i posteggiatori irregolari la fanno da padrone spartendosi il mercato e i bagnanti obbligati a pagare la tangente per poter posteggiare senza il rischio di trovarsi la macchina danneggiata alla fine della giornata. Parcheggiatori che gestiscono anche la viabilità in maniera tutt’altro che serena con inversioni di marcia in tratti dove è vietato anche il sorpasso o addirittura in prossimità delle curve, doppie file che finiscono con il creare code o nei peggiori dei casi costringono chi viaggia a invadere la corsia opposta.

A poco servono i blitz che periodicamente le forze dell’ordine realizzano perché gli irregolari della sosta se la cavano spesso solo con una sanzione – che quasi mai verrà pagata – e il sequestro dei soldi – pochi perché periodicamente raccolti da chi gestisce il “business litoranea” –  per tornare poi nuovamente a lavoro il giorno stesso o al massimo il successivo. Eppure per smantellare questo sistema basterebbe affidarne la gestione a personale in regola realizzando una cooperativa, o una realtà simile, che possa così essere anche da supporto alle forze dell’ordine nella gestione della legalità sull’arteria.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here