Stazione Acilia Sud, Zannola e Di Matteo (PD): “Il Comune non stanzia i fondi per il sovrappasso. E i cittadini di Dragona?”

19/5/2017 – “Come annunciato da ATAC, i lavori di realizzazione della stazione Acilia Sud sono ormai in via di completamento. Ma per i cittadini di Dragona e Dragoncello la nuova fermata della Roma-Lido rischia di essere assolutamente inutile e c’è il rischio concreto che in molti avranno la sciagurata idea di attraversare a piedi la via del Mare per raggiungerla”. Lo dichiarano in una nota Giovanni Zannola (Partito Democratico di Roma) e Leonardo Di Matteo (coordinatore Forum Trasporti e Mobilità PD Roma). “Prima il Comune annuncia in pompa magna lo stanziamento dei fondi per le opere infrastrutturali collegate allo scalo, peraltro ‘dimenticando’ di dire che si tratta di risorse provenienti dalla Regione; poi in sede di variazione al bilancio di previsione si scopre che all’appello mancano un milione e mezzo di euro per realizzare il sovrappasso ciclo-pedonale. Viene tutto rimandato al prossimo anno, quando la stazione sarà ormai pienamente operativa. Non bastava l’incomprensibile atteggiamento della Commissione Straordinaria del X Municipio, che nel novembre del 2016 ha ridefinito il quadro programmatico del PRU Acilia-Dragona ‘declassando’ cavalcavia e parcheggio di scambio nell’elenco delle priorità. Roma Capitale ha praticamente perso un anno per completare le dovute procedure, ignorando anche la mozione presentata lo scorso gennaio dalla consigliera PD Michela Di Biase. Assieme ai comitati di quartiere, – concludono – da mesi andiamo dicendo che senza le opere di collegamento con Dragona la nuova stazione rischia di rivelarsi quasi ‘inutile’: l’amministrazione comunale non ascolta e i referenti locali che siedono in aula consiliare evidentemente sono impegnati in altre faccende.”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here