Peppino a mare, incendio doloso al ristorante

8/5/2017 – Nessuna minaccia ricevuta, nessuna intimidazione subita. Lo dicono chiaramente in una nota i gestori del ristorante Peppino a Mare di lungomare Amerigo Vespucci 98, vittima nella notte di un incendio doloso. A raccontare quanto accaduto sono proprio loro. “Questa mattina, arrivati al locale intorno alle 8, abbiamo trovato i resti di un incendio non propagato e molto liquido infiammabile, su tutta la superficie interna dell’attività. Abbiamo così avvertito le forze dell’ordine che, tempestivamente, hanno raccolto i primi indizi e iniziato le indagini. Escludiamo di aver ricevuto alcuna richiesta criminale e che non conosciamo le cause, ne chi ha commesso il fatto. Confermiamo, con altrettanto vigore, che continueremo il nostro impegno per la legalità, fiduciosi nell’attento lavoro delle autorità preposte”.

Se i gestori – tra cui Rosella Pizzuti, presidente del Sib Ostia, il sindacato Italiano balneari – non si piegano e annunciano che Peppino a Mare continuerà la sua attività senza sosta, dall’altra proseguono le indagini. Secondo i primi riscontri della polizia scientifica, i piromani si sono introdotti all’interno del locale mandando in frantumi una porta a vetri, poi hanno svuotato una tanica di benzina sul pavimento e quindi dato il via al rogo. A limitare i danni e impedire che le fiamme si propagassero solo a pochi tavoli, è stata la presenza degli arredi ignifughi.

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here