I comitati dell’entroterra: “Sindaco Raggi annulli la richiesta del tritovagliatore”

16/5/2017 – Il Coordinamento dei Comitati Entroterra X Municipio scrive al sindaco Virginia Raggi e lo fa per chiedere l’annullamento della richiesta di utilizzo dell’impianto mobile di tritovagliatura per il trattamento dei rifiuti indifferenziati prodotti nel territorio di Roma Capitale, presso la sede dell’Ama di Via dei Romagnoli n. 1167, alla Direzione territorio, Urbanistica, Mobilità e Rifiuti Area Ciclo Integrata dei Rifiuti della Regione Lazio del 9 maggio 2017. La scelta di collocare tale impianto in quell’area, non tiene infatti conto – spiegano dal Coordinamento dei Comitati Entroterra X Municipio che la zona è a vocazione agricola e allevatoriale, frutto di bonifica da più di cento anni, che la zona è già gravemente congestionata dal traffico, che si paralizzerebbe totalmente, che l’area si trova a poche centinaia di metri dai quartieri residenziali densamente popolati, che è a pochissima distanza dal Borgo e dal sito archeologico di Ostia Antica che ne subirebbero gravissimo nocumento sotto l’’aspetto, economico, territoriale, turistico. Inoltre, non risulta che siano stati eseguiti studi ambientali per valutare l’idoneità del luogo scelto né percorsi di condivisione con i cittadini residenti del luogo. Certi che le stesse ragioni hanno motivano la Sindaca Virginia Raggi quando afferma che “i rifiuti non saranno portati a Ostia” e Giuliana di Pillo – delegata del Sindaco per il X Municipio – quando dichiara che “nessun tritovagliatore sarà spostato nel nostro Municipio”, dalle quali è gradito un riscontro formale alla presente auspichiamo una revoca della richiesta e il blocco dell’eventuale iter amministrativo intrapreso della Regione Lazio”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here