Depresso per la morte del padre tenta il suicidio con un colpo di pistola in bocca

20/4/2017 – La morte del padre era stato un dolore troppo forte da sopportare. Per mesi aveva cercato di reagire ma nulla era servito. Quella mancanza era impossibile da accettare così poco dopo le 13,30 di oggi un uomo italiano di 54 anni ha tentato il suicidio sparandosi un colpo di pistola alla testa.

Scenario il piano terra di una villetta su due livelli in via Apelle a Casalpalocco dove l’uomo, ex guardia giurata disoccupato dal 2012 e in cura con antidepressivi, vive insieme alla madre. È stata proprio lei a lanciare l’allarme quando richiamata dal rumore del colpo di pistola si è precipitata nella stanza del figlio trovandolo riverso nel letto e nella mano destra ancora la pistola, detenuta regolarmente, con la quale pochi istanti prima si era sparato alla bocca, devastandosi il volto, ma senza riuscire a togliersi la vita. Prima del gesto un ultimo messaggio di addio alla sorella con il quale preannunciava la voglia di uccidersi. Immediatamente sul posto sono intervenuti con tre volanti gli agenti del commissariato Lido. Sul posto anche l’eliambulanza che ha trasportato in condizioni gravissime l’uomo al San Camillo dove si trova ora ricoverato in prognosi riservata. Nonostante la criticità delle lesioni riportate non sarebbe in pericolo di vita.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here