“Senza preavviso”, Andrea Franco approda alla fantascienza

14/03/2017 – E’ in uscita il nuovo libro di Andrea Franco, “Senza preavviso”, edito da Mondoscrittura. Lo scrittore, noto al pubblico per i suo romanzi gialli, questa volta si cimenta con la fantascienza.

L’autore, nato ad Ostia nel 1977, vincitore nel 2013 del Premio Tedeschi, con il libro “L’odore del peccato”, ritorna in libreria, con un genere diverso rispetto a quello che lo ha reso famoso. Nel suo nuovo romanzo, la trama, che vive sempre sul filo della tensione e della suspance, si arricchisce di un mondo irreale, altro da quello in cui ci troviamo. Ne scaturisce così un genere a metà tra il giallo e il fantasy.

Il testo da poco in libreria, ha come protagonista un uomo, che ha infranto la Regola. Da quel momento vive in fuga, sullo sfondo di una Roma immersa nella notte. La sua è una fuga costante dai compagni che vogliono morto. Anche se la sua vita non ha più un vero significato, dopo la scomparsa della donna amata, sa di non voler morire. La sua vita è segnata dalla solitudine e dalla paura. Ma è al confine con la Zona Morta, dopo l’incontro con le persone che vivono ai margini, che Stefano ricorda cosa vuol dire vivere senza difendersi. Qui incontra persone come Hanya che vede le storie con i suoi occhi ciechi, e Hatney, che custodisce il segreto della sua vita oltre il virtuale.

La passione per la scrittura nasce in Andrea fin da piccolo. La sua è una necessità, dettata dalla voglia di raccontare ciò che lo circonda, le sue esperienze. La scrittura per lui è soprattutto la possibilità di mettere per iscritto ciò che immagina, ciò che ha dentro, e che riaffiora in lui in ogni cosa che fa nel suo quotidiano. Tutto può essere fonte di ispirazione. Da questo punto di partenza ricostruisce le sue storie, è ciò che mette in moto la sua fantasia, la macchina creativa che è in lui. I personaggi che crea sono il riflesso di se stesso. I protagonisti dei suoi libri, hanno le stesse paure, passioni, di Andrea. Sono l’estensione nascosta dello scrittore, quelle che vorrebbe mettere a tacere, ma che nei romanzi prendono vita perché parte integrante del suo essere.

L’intento dello scrittore è quello di creare un testo in cui le persone possano immedesimarsi. Il mondo che crea è un mondo in cui possiamo perderci, arrabbiarci, commuoverci. Il lettore non deve rimanere indifferente, ma legato al libro. Vuole generare in lui una riflessione. “Senza preavviso” racchiude queste volontà. E’ un romanzo dove la fantascienza fa da sfondo a profonde storie d’amicizia. Si affronta il tema dei veri legami, quelli profondi e indissolubili, per i quali si è disposti a tutto pur di realizzarli, anche sovvertire le regole.

CONDIVIDI

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here