Cooking show al Leonardo Da Vinci

13/3/2017 – Nell’Area di Imbarco E Gianfranco Pascucci e Sandro Serva offrono prodotti di eccellenza del Lazio in un’esibizione culinaria, insieme agli studenti degli istituti alberghieri locali. All’evento hanno partecipato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il sindaco di Fiumicino Esterino Montino e l’AD di Aeroporti di Roma Ugo de Carolis.

Due nuove stelle della cucina romana e laziale si sono accese oggi presso l’Italian Food Street dell’Area di Imbarco Internazionale E dell’aeroporto Leonardo da
Vinci. Gianfranco Pascucci e Sandro Serva, tra i più noti chef stellati del Lazio, hanno infatti preparato e offerto le proprie prelibatezze enogastronomiche ai numerosi passeggeri presenti, animando un vero e proprio cooking show nell’insolito scenario di un’area di imbarco internazionale. Un’iniziativa che conferma, ancora una volta, la capacità del principale scalo della Capitale di essere ambasciatore verso il pubblico internazionale del cibo italiano di qualità, con un’offerta di ristorazione d’eccellenza.  Sono diverse, infatti, le attività di ristorazione presenti nell’area E, gestite dai principali player del settore, che vanno dai prodotti  mediterranei, ai menu asiatici o burger gourmet, con la presenza stabile di chef stellati del calibro di Heinz Beck e Cristina  Bowermann, che hanno ulteriormente arricchito l’offerta dell’aeroporto con le loro creazioni culinarie note in tutto il mondo.

A dare il via al Cooking Show, sono stati Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, Esterino Montino, Sindaco di Fiumicino, e Ugo de Carolis, Amministratore Delegato di ADR. Gli chef hanno offerto ai passeggeri in transito, attraverso piatti di loro creazione, l’eccellenza dei prodotti enogastronomici della regione, supportati, nella loro performance, da un team di studenti provenienti dagli istituti alberghiero Baffi di Fiumicino e agrario Sereni di Rieti, coinvolti nell’iniziativa da Aeroporti di Roma.

L’evento, organizzato  da ADR, insieme alla Regione Lazio e ad ARSIAL, ha visto una folta partecipazione di passeggeri, italiani e stranieri, che hanno così potuto scoprire l’offerta gastronomica dell’area E, che si sviluppa in una vera e propria “Strada del food italiano” con il meglio dei prodotti tipici del Made in Italy. In oltre 3.000 metri quadrati, è possibile, infatti, trovare diverse tipologie di abbinamenti enogastronomici, che tengono conto delle variabili imprescindibili per un passeggero: “tempo di consumo”, “prezzo” e “specificità territoriale”. E’ questo lo scenario dove gli chef si sono alternati, offrendo ai viaggiatori piatti realizzati con prodotti unicamente di provenienza laziale: Sandro Serva ha preparato una carpa del lago del Salto in crosta di papavero, con maionese cotta di patate e rape rosse, accompagnata da crescione di sorgente e uovo di carciofo con salsa di topinambur e gocce di mentuccia; mentre Gianfranco Pascucci ha cucinato una variazione marinara di una pasta e ceci e una lasagna di mare. La manifestazione culinaria, a cui ha partecipato anche la giunta di Federalberghi, è stata visibile a tutti i viaggiatori grazie a schermi video dove è stata trasmessa la regia live del Cooking Show.

MONTINO – “Il nostro comune, ma tutto il Lazio del resto è ricchissimo dal punto di vista dei prodotti dell’enograstronomia. Abbiamo specialità e specialisti, una vera e propria ricchezza. Fiumicino è un luogo straordinario per il turismo. E’ la porta d’Italia, è la porta della capitale. Ci sono 43 milioni di passeggeri che passano da qui. Sicuramente – ha proseguito Montino – è una grande finestra che si presenta al mondo e che noi dobbiamo essere in grado di utilizzare. Quella di oggi mi sembra un’eccellente iniziativa”. Esterino Montino ha poi ricordato ancora che “Fiumicino, è sempre stata, storicamente, la porta della capitale. Anche duemila anni fa lo era. Il Porto di Claudio, il Porto di Traiano, ieri si passava da ‘Portus’ oggi dall’aeroporto”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here