Pesca a strascico, sorpreso un peschereccio a largo di Santa Marinella

 

Nuovo colpo inferto dalla Guardia Costiera all’illecito fenomeno della pesca a strascico sotto costa nelle acque di Santa Marinella, attività estremamente dannosa per i fondali e l’habitat marino in generale. Nelle primissime ore di oggi la motovedetta CP 2104, sotto l’attenta regia del Centro di Controllo Area Pesca di Civitavecchia, dopo un pattugliamento notturno ha individuato e fermato un peschereccio, poi risultato appartenente alla flotta di Fiumicino, che svolgeva attività di pesca a strascico su un fondale inferiore a 50 metri ed entro le tre miglia dalla costa, in violazione di quanto previsto dalla legge.
L’imbarcazione, di lunghezza inferiore ai 15 metri, non aveva l’obbligo di installare i sistemi di geolocalizzazione, obbligatori invece per i pescherecci più grandi, pertanto non rintracciabile dai sistemi di monitoraggio del C.C.A.P. – Centro Controllo Area Pesca – di Civitavecchia.
A carico del Comandante dell’unità è stata elevata una sanzione amministrativa pari a 4mila euro, oltre all’assegnazione di 6 punti sulla propria licenza, quale sanzione accessoria prevista dalla normativa vigente in materia di pesca. Al rientro del peschereccio presso il porto base di Fiumicino, il personale della Guardia Costiera ha proceduto al sequestro delle reti da pesca utilizzate.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here