Ostia Solidale, oltre 600 persone per dire “L’odio non ci appartiene”

12/2/2017 – Un lungo corteo, di oltre 600 persone, ha sfilato ieri dalla Stazione di Lido Centro fino alla sede del X Municipio di Roma, passando per le vie principali del quartiere. In testa alla manifestazione uno striscione recitava “L’odio non ci appartiene, #OstiaSolidale e antifascista”. “Questa – spiegano da Ostia Solidale – è la migliore risposta alla violenza subita negli ultimi anni dai cittadini del litorale romano, per mano dei militanti di Casapound Ostia”.
“Abbiamo scelto di sfilare determinati e pacifici, perché le strade sono di che le ama e non di chi usa la violenza per affermare le proprie idee – ha dichiarato Emma, studentessa del liceo Anco Marzio – Hanno dichiarato minacciosi che avrebbero impedito il nostro corteo pacifico ma la storia è andata diversamente. Siamo contenti del risultato ottenuto”

“Chiediamo alle istituzioni – proseguono ancora da Ostia Solidale – di impegnarsi attivamente per la chiusura dei tre covi di Casapound, in particolare per quanto riguarda la nuova sede, nei locali Ater di Acilia, in via Carlo Marocchetti 3. Chiediamo a tutti i cittadini di tenere gli occhi aperti e non rimanere in silenzio quando subiscono violenza per mano di Casapound Ostia. Non siamo più disposti a tollerare la violenza fascista che vuole spingere il nostro territorio alla barbarie. Chiediamo alle istituzioni un maggiore impegno per risolvere i problemi di precarietà e reddito che devastano le periferie, perché è dalla povertà che nascono i germi che producono questi fenomeni di violenza. Ringraziamo tutte le realtà che hanno deciso di mettere da parte le proprie differenze e si sono aggregate per dare una risposta di piazza. Vogliamo inoltre fare delle precisazioni sulla natura di Ostia Solidale. Questa mobilitazione, nata dal basso, non ha preso posizione su: commissariamento, foibe e nessun tema che esca fuori dal perimetro dall’appello. Ma soprattutto non è stata costruita dai partiti del centro-sinistra e non è uno spazio elettorale cavalcabile da nessuno. La composizione eterogenea ha permesso la presenza di membri di diversi schieramenti politici ma questo non toglie la natura prettamente apartitica dell’iniziativa. Rivendichiamo – concludono – la totale distanza dall’ultima e fallimentare gestione del municipio da parte del centro-sinistra del litorale romano”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here