Giardino di Roma “soffoca” tra i rifiuti. Zannola-Di Matteo: “Necessaria la bonifica delle discariche”

23/2/2017 – “Ad oltre un decennio dalla sua nascita, si ha l’impressione che Giardino di Roma ancora non rientri a pieno titolo tra le zone amministrate dal Campidoglio. Sembra, infatti, che il Comune fatichi a farsi carico dei servizi primari e delle esigenze dei residenti”. Lo dicono Giovanni Zannola e Leonardo Di Matteo del Pd del X Municipio. “A dispetto del suo stesso nome, il “nuovo” complesso residenziale è sommerso dalla spazzatura. Spesso l’Ama latita per giorni e la pulizia delle strade ne risente fortemente. Inoltre, ai margini del quartiere si formano discariche abusive alimentate da cittadini incivili, spesso provenienti dalle zone limitrofe. La situazione è divenuta allarmante in via Erminio Macario: nell’area di sosta a servizio della fantomatica stazione della Roma-Lido – annunciata e mai realizzata – si possono trovare vecchie suppellettili, potature, recinzioni metalliche, oltre a rifiuti ingombranti ed inquinanti. Abbiamo chiesto ufficialmente alla municipalizzata di intervenire quanto prima per rimuovere questo scempio e scongiurare altri fenomeni simili. All’AceCEA, invece, chiediamo di bonificare e chiudere al pubblico il parcheggio esterno di sua pertinenza nei pressi di Piazza Charlot, che negli anni è divenuto una vergognosa pattumiera dove abbondano sfalci e scarti di lavorazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here