Girolami entra in consiglio e molla il M5S. Cozzolino: “Casaccaro”

20/1/2017 – Doveva essere una riunione tranquilla. Ed invece anche questa volta il consiglio comunale di Civitavecchia che si è svolto ieri è stato all’insegna dei colpi di scena. Dopo un inizio che ha visto i presenti rispettare un minuto di silenzio per i terremotati si è passati al clou della serata vale a dire la convalida del nuovo consigliere Luciano Girolami. Tutto fila liscio con l’aula che approva la new entry all’unanimità. Quanto però il consigliere prende la parola qualcosa cambia e il Movimento Cinque Stelle torna a tremare. «Per me – dice Girolami – è un onore rappresentare i cittadini che mi hanno consentito di essere qui. Devo dire che, per me, le motivazioni che mi hanno portato a candidarmi con il M5S nel 2014 non sono cambiate. Oggi però – ha detto – non mi pare che le azioni siano in linea con il programma elettorale e mi riferisco soprattutto ad Hcs, il futuro di quattrocento famiglie è a rischio, mi sono rivolto a Savignani ma le risposte sono insoddisfacenti. Oggi il giudice ha chiesto una gara pubblica per i servizi, cosa che ci era stata taciuta. Non aderisco al gruppo consigliare del Movimento Cinque Stelle e aderisco al gruppo misto». Una decisione che suscita l’animosità dell’aula fino a quando a prendere la parola è il sindaco Antonio Cozzolino che fa il suo in bocca al lupo al neo consigliere. Ed è proprio il sindaco che oggi è tornato sulla vicenda. «Ieri purtroppo la città di Civitavecchia ha assistito all’ennesimo episodio di trasformismo politico ad opera del subentrato consigliere Luciano Girolami che al momento stesso del suo ingresso nell’assise ha deciso di tradire il voto cittadino, passando al Gruppo Misto. Puerili ed ipocrite le motivazioni poste nel suo breve discorso iniziale, – ha detto il primo cittadino – ben diverso da quello che solamente il giorno prima aveva lui stesso letto ad alcuni esponenti della maggioranza, esternando anche una certa emozione, evidentemente costruita ad arte. Come costruita ad arte è stata la partecipazione il giorno prima del consiglio alla maggioranza che si è tenuta in Comune ed alla quale ha partecipato attivamente senza manifestare in alcun modo questa possibilità di uscita dal gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle. I lavoratori di HCS possono contare da sempre sulla nostra massima chiarezza: il cammino per salvare le partecipate è chiaro e sta andando avanti positivamente come previsto, come dimostra l’ammissibilità dichiarata dal Tribunale nei giorni scorsi. Il fatto che qualcuno dell’opposizione tramite il suo giornale inventi ad arte notizie su una presunta asta pubblica dei servizi, senza pubblicare la nostra rettifica, e che queste motivazioni vengano riprese dopo poche ore dal consigliere Girolami senza che questo neanche chieda spiegazioni, fanno facilmente capire la falsità dei presupposti su cui hanno poggiato le sue affermazioni. Il casaccaro Girolami ha tradito il voto dei cittadini e la fiducia da essi riposta nel Movimento 5 Stelle: me ne dispiaccio. Se davvero non è più d’accordo con la linea del Movimento, – conclude il sindaco ricordando l’abbandono della Riccetti – come per la presidente del consiglio, avrebbe dovuto dimettersi e non passare al Gruppo Misto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here